Press "Enter" to skip to content

Mese: dicembre 2019

Ospite nascosto

schermata-26-12-55-46

Quello che non si vedeva durante l’eclissi era uno anche grosso:

schermata-26-12-53-28

Lascia un commento

Un cesto per natale

25_12_11_53_0002

25_12_14_37_0001

Il contadino ha sentito che in Italia usa di regalare dei cesti per le feste, ma ci sta bene che qualcosa non ha mica capito bene, comunque ha potato il salce tra gli ulivi che ha il colore più acceso e si è dato da fare.

Buone feste a chi passa di qui.

2 commenti

Una parola al giorno #6: cronofago

Eccone alcuni esempi potenti e molto diffusi di questa specie dannosa:

maxresdefault

twitter-logo

facebook-logo

1516975448_497715_1517229512_noticia_normal

Lascia un commento

Non solo Bolero

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Ravel è tutto da scoprire secondo il contadino. Qui il secondo movimento del suo concerto per pianoforte in G maggiore (il contadino ha l’animo romantico, ecco perché ama i secondi movimenti). Ma ovviamente è da sentire tutta l’opera.

1 commento

Come fare soldi con l’agricoltura

Ecco, dopo più di trent’anni al contadino è venuta finalmente l’illuminazione: Non si guadagna mai niente coltivando olivi, zappando un vigneto o per esempio realizzando una permacoltura o un food forest, ma facendo seminari, corsi o anche scrivendo libri sul argomento le probabilità sono molto molto più alte di diventare ricchi.

Quindi con le sue esperienze alle spalle ha tutto che li serve. Il libro si chiamerà

La strategia della macchia – come prendersi il mondo”.

Ai suoi fedeli tre lettori toccherà un’acquisto scontato ovviamente.

Dal contenuto:
– Decisioni strategici preliminari: semi o attacco diretto (il rovo)
– Resistenza contro tutti i mezzi (la ginestra)
– Servirsi degli altri offrendo qualcosa (uccelli)
– Le spine. Guida all’uso, scelta del tipo

Quando avrà vendute le prime 300mila copia scriverà un altro, del titolo “La strategia del bosco – servirsi e superare la macchia”.

Stai tuned, come dicono.

8 commenti

Finestre vecchie nuove o dall’attaccamento alle cose

E’ un vizio, ma il contadino è affezionato alle cose vecchie, prima di fare il contadino ha restaurato mobili (di contadini) per 4 anni, ma da sempre prima di buttare qualcosa cerca di risistemarlo. La sua casa ha ancora le finestre di una volta nelle stanze, e no, mettere delle finestra senza queste sezioni e legni in mezzo, con le maniglie nuove non ce la fa, poi costerebbe pure tanto.

Ma avere i doppi vetri sulla vecchiaia d’altra parte è una tentazione, poi nella stanza sotto a volta rimane difficile stare sopra i 9° (per l’olio).
Quindi ha fatto una prova, e la prova e venuta bene, un fresino per 30 e 100 euro a finestra.
schermata-14-19-40-1414_12_09_27_000214_12_09_24_0001

14_12_09_42_000314_12_09_44_0004

Ne ha fatte due, di gennaio altre tre compreso quello sotto quando arriverà il vetro (12mm, con 6mm aria).
14_12_09_44_0005

9 commenti

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi