Press "Enter" to skip to content

Vogliaditerra Posts

E si scopre che la bandiera europea è …

schermata-22-09-22-50

… un chiaro riferimento a Maria.

Molti poi si sono offesi per il riferimento di Salvini alla Madonna, alla quale il leader dei sovranisti ha affidato il destino proprio e, non si sa bene a che titolo, quello dei presenti e quello dell’Europa. Per farlo però, avrebbe potuto benissimo indirizzarsi, e nessuno si offenda se rilevo il particolare curioso, proprio a una bandiera dell’Unione Europea: il colore della bandiera e la disposizione delle stelle sono un richiamo diretto all’iconografia mariana (tanto che il populista di sinistra francese Mélenchon, che non brilla per europeismo, chiese ufficialmente, nel 2017, che fosse tolta la bandiera europea dal parlamento francese, in quanto riferimento confessionale).

Basterebbe tornare davvero ai valori cristiani “sbandierati” e alcuni partiti politici sparirebbero immediatamente dalla scena.

2 commenti

Imitando Europa

huawei

Se qualcuno penso che questa foto sia scattata in Europa sbaglia.

1 commento

Il nido saccheggiato

nido-olivo2

nido-olivo3

Il contadino spesso trova questi nidi fatti di radici con fondamenta in ramettini in cima all’olivo, e di solito lascia stare la potatura intorno. Qui sembra però che le uova hanno fatto una finaccia… qualcuno sa che uccello fa questi nidi?

6 commenti

L’anno del papavero

I cinesi hanno l’anno del maiale o cinghiale noi qui l’anno del papavero (e tutti gli anni sono l’anno del cinghiale purtroppo).

papaveri-2012-5

papaveri-2012-4

papaveri-campo2

Per il resto il contadino sta per finire la potatura degli olivi, dovrebbe trovare un po’ di tempo per altre cose da ora in poi. Sicuramente non sarà un anno d’olio, era l’anno scorso questo ed è strano come gli stessi alberi bellissimi e morbidissimi che portavano anche più 30 kg di olive si sono trasformati adesso in una cosa spigolosa spelacchiata e non si ha tanta voglia di toccare la frasca indurita e nuda. Ma rinasceranno, ora devono rifarsi da cima al fondo.

Lascia un commento

No slogan

Non ho qualifiche sufficienti a fare un commento di carattere sociologico. Forse sto diventando un vecchio scorbutico, ma a livello pubblico ormai esiste ben poco che per me non sia un’accozzaglia di parole senza senso. L’impegno, poi, è ridotto al minimo: gli artisti fanno esattamente ciò che fanno i politici, mantenendosi sulla superficie, senza lasciarsi coinvolgere davvero in niente, schierandosi secondo le posizioni partitiche più banali. Anche quelli che stanno dalla parte giusta offrono solo slogan, senza impegno.

Quando mi sento parlare, mi rendo conto di non essere poi così attaccato alle mie opinioni. Perciò esiste un altro livello di percezione, ben più profondo di quello delle opinioni. Ecco cosa vuol dire per me scrivere canzoni: liberarsi degli slogan, anche di quelli più efficaci, delle prese di posizione più sofisticate, per giungere a una comprensione, a sensazioni che sono un po’ al di sotto del radar delle opinioni o dell’intellezione.

«È per questo che ci vuole tempo» continua. «Prima di poter scartare un verso, devo scriverlo. Non ho le capacità cognitive necessarie per leggere qualcosa e scartarlo. Devo lavorarci su, scriverlo e poi eliminarlo. Persino se è buono, non posso accettarlo se include uno slogan stereotipato. Non sono interessato alle prese di posizione banali. Perciò non sono attaccato alle mie opinioni, ma in un certo senso sono interessato a quello che posso scoprire frugandovi al di sotto.
«È lì che voglio arrivare.»

Secondo il contadino questo potrebbe essere una linea guida nella marea delle cose dette ovunque. Ignorare se slogan.

Rimarrà il poco di buono che c’è.

(citazioni di L. Cohen, “Il modo di dire addio”)

Lascia un commento

C’era una volta…

…un attore e commediante il quale in una serie televisiva faceva la parte di un semplice insegnante di storia che diventa presidente dell’Ucraina. E a volte le fiabe diventano vere.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

(sottotitoli in inglese)

Lascia un commento

Buona Pasqua!

21_04_08_25_0001

Colorate le uova come al solito, oggi si cercano tra l’erba intorno casa, e come zuccherino si è fatto sentire pure un cuculo, evento ormai rarissimo. Gli anni passano e si cerca di rimanere a galla. Auguri!

4 commenti

Nel frattempo a Londra…

…bloccano 4 punti nevralgici e il traffico va in tilt.

extinction-rebellion

Extinction Rebellion , che chiede al governo di ridurre le emissioni di carbonio a zero entro il 2025, vuole «bloccare Londra»” fino al 29 aprile con una serie di proteste e oggi ha chiesto rinforzi per mantenere il blocco stradale al Waterloo Bridge. Centinaia di manifestanti hanno cercato di ostacolare la polizia che voleva sloggiarli. I leader di questa organizzazione ambientalista “radicale” dicono che proteste simili si sono svolte in più di 80 città in 33 paesi e le manifestazioni di oggi a Londra prevedevano discorsi in piazza del Parlamento su come affrontare il cambiamento climatico.
Articolo

Foto

EDIT Più foto

1 commento

Vasi occupati con vasi.

18_04_09_36_0003

18_04_09_36_0002

18_04_09_35_0001

Negli altri ci sono i pomodori.
Per il resto sembra che gli ulivi fanno un anno sabatico, specialmente le grossaie (frantoio).

2 commenti

La morte aspetta sul pesco

PTX_7332

PTX_7342

PTX_7339

07_04_17_08_0001

3 commenti

Contrasti

L’Europa e America, circondato ormai dai muri visibili e invisibile (le compagnie aerei sono stati da tempo trasformati in ufficiali di immigrazione, visto che devono pagare delle multe salate per passeggeri senza visto), e il mondo la fuori, messi a confronto dal fotografo turco Uğur Gallenkuş.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Lascia un commento

Ripeti con me…

on and on the rain will fall…”
schermata-02-14-50-40

Lascia un commento

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi