Press "Enter" to skip to content

L’importanza del gesto

anemone

Qui hanno tagliato i boschi intorno al contadino. Non è più come una volta e non è più neanche come vent’anni fa con i vecchi contadini, le cataste in bosco, la frasca bruciata. E’ un strappare il strappabile, veloce deve essere e costare poco. Nessun italiano taglia la legna e smacchia con il trattore (portando via 30 quintali alla volta). Dopo sembra che è passato una guerra.

Ma si strappa non solo legna, strappiamo il cibo dai campi e la carne e il latte dagli animali, si strappa il gasolio, le terre rare, il gas con il fracking e a uno viene pure in mente di strappare il gas dallo stomaco delle muccche.

Non c’è da meravigliarsi che la natura non ha più tanta voglia di donarci alcunché.
C’è modo e modo di prendere: il gesto delle nostre azioni conta molto.

Buona Pasqua!

5 commenti

  1. lorenzo 20 aprile 2014

    il campagnolo ti fa gli auguri di buona Pasqua a te e famiglia,

    Lorenzo

  2. marco 20 aprile 2014

    sai che è proprio così?
    Buona Pasqua a tutti voi.

  3. clapat 20 aprile 2014

    auguri anche a te e un pensiero a chi pianta alberi.(vedi:- La storia di Elzéard Bouffier)

  4. Joe 20 aprile 2014

    Ciao Ste,

    buona Pasqua. Speriamo che il furto costante verso la natura finisca presto. O con la sensibilità e la consapevolezza, o con la natura che si ribelli, definitivamente.

  5. Barbara M. 21 aprile 2014

    auguri anche a te e famiglia, Ste!

Commenti chiusi.

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi