Press "Enter" to skip to content

Il diritto la libertà di drogarsi

Sarebbe ora che le società riescono di avere una visione realistica delle droghe “leggere”. Probabilmente un quinto o quarto della popolazione in Europa fa o faceva uso regolare di cannabis, come lo fa anche con birra, vino e superalcolici. Dov’è il problema? Entrambe sono droghe, entrambe permettono al individuo di fare una vacanzina dalla realtà che sembra essere un bisogno di molti. Naturalmente sarebbe meglio non avere bisogno di stupefacenti, ma la realtà è diversa, per ora. I divieti fanno più danno che altro in quanto alimenta le mafie.

Intanto in California e altri tre stati americani votano.

Nota al margine: la marijuana che cresce sotto la luce elettrica andrebbe vietata davvero, che è solo un veleno.

10 commenti

  1. Geppetto 18 ottobre 2010

    Anche la pastasicutta e’ una droga: non riesco a farne a meno.

  2. Harlock 18 ottobre 2010

    Ti sei dimenticato il caffè, che crea pure dipendenza!

  3. ste 18 ottobre 2010

    Per non parlare di internet e sigarette…

  4. Geppetto 19 ottobre 2010

    Anche l’olio vero extra di Ste andrebbe messo fuori legge come potenziatore estremo della pastasciutta 🙂

  5. raccoss 19 ottobre 2010

    Non entro nel merito dell’intervento ma solo un appunto sulla statisticha chi le fa? Un quinto della popolazione europea fa uso abituale di cannabis? Quindi uno tra me, mia madre, mio padre, mio nonno e la mia fidanzata fanno o facevano uso di cannabis e io non mi sono mai accorto di nulla? E pure i miei amici d’infanzia e i loro genitori etc. etc.? Mi sembrano statistiche un bel po’ forzate.

    @Harlock: il caffè non provoca dipendenza ma assuefazione.

  6. ste 19 ottobre 2010

    Intanto avevo sbagliato il titolo e tiravo a caso con la percentuale. Statistica personale: fine anni ’70 circa un dieci percento dei giovani che conoscevo l’aveva provato.

    Germania: 2004 31% dei giovani tra 12 a 25 anni hanno avute esperienze, Svizzera 36% (statistica ufficiale). Si stima che 65 milioni (20%) di cittadini EU (tra 15-64anni) abbiano provato cannabis, e 7% l’hanno consumato almeno una volta negli ultimi 12 mesi.

  7. Harlock 19 ottobre 2010

    …ho bisogno di un faffè 😀

    il link sopra è per spiegare la dipendenza da caffè!!

  8. kermitilrospo 19 ottobre 2010

    c’è una bella differenza tra “aver provato” e uso regolare.

  9. kermitilrospo 19 ottobre 2010

    ……..e il mal di testa da astinenza da caffè non dura tutta la vita!!! :o)

Commenti chiusi.

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi