Press "Enter" to skip to content

Mese: ottobre 2020

Fatto la catasta si può cogliere

18_10_16_08_0001

Nella vita a volte bisogna verificare se si riesce ancora fare certe cose.

18_10_16_27_0002

8 commenti

Luoghi comuni sbugiardati

“I contadini non possono mai andare in smart working!

Invece sì, dal PC con Telegram il contadino ormai gestisce il podere, visto che di salute sta così-così.

screenshot-09924144

4 commenti

Aspettando le olive…

… con goia. Sono sane, tante, piovuto ha piovuto. Si comincia intorno al 19 ottobre, sperando nel bel tempo.

3 commenti

Disservizio telefonico

addebiti

L’estate scorso quando il contadino ha varcato in confine tra Svizzera e Germania ha ricevuto un strano messaggio di conferma sul cellulare (di vecchio stampo, non smart che lui internet in tasca non lo vuole). E dopo due giorni credito 0. Era stato attivato in automatico un servizio news qualcosa, per 4,99 al gg. E chiama, e lo disattivano,ricarica credito e si riattiva e richiama e alla fine si è tolto finalmente dalle scatole, però una ventina di euro l’hanno presi.

Leggendo in rete il contadino s’è imbattuto nel sito https://disserviziotelefonico.it/ e pensava provare potrebbe non nuocere, visto che le mail mandate a quel “servizio news” li cestino in automatico (purtroppo non si ricorda nemmeno il nome adesso).

E alla Tim questo disservizio ha costato 200€ adesso, il contadino è contento. 150 si sono presi loro per il lavoro legale e spese, ma va benissimo così.

5 commenti

Tortura, processi e le prime pagine

Al contadino fa parecchia rabbia vedere queste prime pagine di cronaca nera, di omicidi tra amanti e quant’altro mentre si tortura un uomo tenendolo 16 mesi in carcere di isolamento per aver reso pubblico crimini di guerra, l’esistenza di altre 150mila vittime civili nella guerra nel Irak. Dopo averlo costretto – con accuse finte per stupro poi archiviate – per anni di rifugiarsi in una ambasciata.

L’accusa di aver messo in pericolo per la pubblicazione di dati sensibili agenti americani è stato smontato da un esperto informatico svizzero durante il processo (dal quale furono pure esclusi osservatori come Amnesty International).

Il governo degli Stati Uniti ha torto ad accusare il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, di aver pubblicato documenti classificati non accreditati perché erano già apparsi online, ha sentito un tribunale. L’informatico professor Christian Grothoff ha affermato che l’organizzazione non è stata la prima a rendere pubblici 251.000 messaggi diplomatici quando sono apparsi sul suo sito web il 2 settembre 2011.

I pubblici ministeri affermano che Assange ha messo a rischio la vita di fonti e informatori in tutto il mondo pubblicando i loro nomi.

Il professor Grothoff ha detto che la cache dei documenti sul sito WikiLeaks “era crittografata”, il che la rendeva inutile per chiunque non conoscesse la chiave di crittografia, che è stata descritta come una password complessa.

Ha detto all’Old Bailey che i cablogrammi non redatti sono diventati di pubblico dominio in seguito alla pubblicazione di un passcode in un libro del giornalista del Guardian David Leigh nel febbraio 2011.

Le organizzazioni dei media hanno iniziato a far trapelare alcuni dei 251.000 cavi diplomatici alla fine del 2010 a seguito di un rigoroso processo di redazione.

WikiLeaks ha quindi pubblicato la versione non redatta nel settembre 2011, ma la corte ha sentito che questo era solo dopo che erano di dominio pubblico.

La cache completa, inclusi i documenti classificati, è stata resa disponibile tramite torrent e il sito web di Cryptome il 1 ° settembre, ha detto.

Il professor Grothoff, dell’Università di scienze applicate di Berna in Svizzera, ha fornito prove tramite collegamento video e ha detto alla corte: “Era effettivamente disponibile su Internet in un modo che sarebbe praticamente impossibile fermarlo”.

“Sul punto tecnico molto specifico in cui dici che WikiLeaks ha pubblicato quei cavi si sbaglia e non lei hai fatto correttamente i compiti per trovare chi ha pubblicato per primo quei cavi.

«Quindi penso che sia ingiusto da parte tua accusare il signor Assange di pubblicare quei telegrammi non censurati. L’editore principale dei cavi non redatti non sarebbe WikiLeaks. “

Ma la propaganda ha funzionata, non se ne frega nessuno (quasi, meno male) dei crimini di guerra, di Assange e tutto il resto, e chi si ricorda del suo nome lo ricorda come un criminale informatico.

Lascia un commento

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi