Press "Enter" to skip to content

Una zappata sui piedi

Ogni tanto una Banca con la speculazione i danni non li crea alla società ma a se stessa, come adesso il colosso svizzero UBS, salvato già in extremis con soldi pubblici.

LONDRA – Il trader, sospettato di aver causato a UBS una perdita di due miliardi di dollari con operazioni non autorizzate, è stato incriminato formalmente oggi pomeriggio e rimarrà in carcere fino al 22 settembre. È accusato di “abuso di posizione e frode contabile”.

L’uomo, che lavorava su prodotti finanziari complessi nella divisione Investment Banking, è stato arrestato la scorsa notte.

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi