Press "Enter" to skip to content

Voci (e falda radioattiva)

[aggiornato 1 aprile 9.12]

La voce più ridicola è quella del premier giapponese “Fukushima sarà smantellata (se possiamo avvicinarci)”

Esperti sparano teorie: c’è chi dice che nel reattore due il noccioli sfuso avrebbe sfondato già l’acciaio del reattore, c’è chi dice che nel reattore uno sarebbe in atto la fusione con reazioni incontrollate (parte della massa sfusa diventerebbe critica producendo altro calore e radiazioni, in intervalli intermittenti). Un indizio la luce blu vista dalla webcam della TEPCO il 24 marzo, un altro un rivelamento di un isotopo a brevissima decadenza – ma c’erano già altri misuramenti sballati da parte della TEPCO.

Unica cosa certa: perde di continuo acqua radioattiva che finisce in mare, ogni giorni nuovi record, oggi 4.385 volte il limite per il iodio e 500 volte per il cesio. Andrebbe costruito una diga di contenimento, meglio se domani. Ma sarà fattibile?

La contaminazione è arrivata nelle falde: 15m sotto il reattore #1 10’000 volte sopra il limite per lo iodio-131.

Aggiornamento: “no, scusate, abbiamo sbagliato nuovamente i calcoli” (come usiamo fare da anni). Ma i valori per lo iodio-sarebbero corretti. Quindi? Quindi gravissimo.

La prova con la resina per incollare la polvere radioattiva in terra non è stata fatta – pioveva.

E si apprende che non tutti i lavoratori hanno un lettore di radioattività. Proseguono lentamente i lavori di rimozione dell’acqua radioattiva nei canali e stanze delle turbine; grandi problemi di trovare dove metterlo.

Pian piano la zona evacuata (non allargata) diventerà zone interdetta. Per ora non possono impedire alle persone di ritornarci.

Un team militare americana di 140 persone sta per arrivare in Giappone; è specializzato in rivelazioni di radioattività, per monitorare e decontaminare. Anche un altra di queste pompe tedesche per calcestruzzo che usano per riempire le vasche e raffreddare a doccia tutto è in viaggio. Il contadino ha letto la storia del imprenditore in Giappone che – dopo aver visto alla TV i mezzi ridicoli che usavano prima – ha cercato di contattare il primo ministro per offrire la sua collaborazione: ci ha messo due giorni finché poteva proporre la sua soluzione.

Poi gli svizzeri tengono ancora in funzione un reattore vecchio simile con crepe, vicino Berna:

Fonte di preoccupazione sono invece la formazione a partire dagli anni novanta di alcune crepe nell’involucro del nucleo dovute alla corrosione del materiale da parte dell’acqua di raffreddamento. Nonostante le misure applicate (rinforzi all’involucro, additivi chimici nell’acqua), le crepe si sono allungate di anno in anno. Le più lunghe sono comunque circa un terzo del limite massimo di sicurezza e si prevede che la metà di questo valore non sarà raggiunto prima del 2012. Le crepe sono comunque sotto stretto controllo e nuove misure chimiche per la loro stabilizzazione sono in corso.[2]

Non sanno come fare con i quasi mille cadaveri contaminati presso la centrale.

Due pompe immense in preparazione negli USA. Per annaffiare i reattori. Altra acqua per l’oceano?

8 commenti

  1. Geppetto 31 marzo 2011

    Immagina di dover spiegare tu ad un bambino di laggiu’ tutto ‘sto casino.

    A ben pensarci … se io dovessi spiegare a mio figlio il manicomio in cui l’ho messo al mondo, … no, no, son pensieri brutti.

    Torno a meditare.

  2. Viola 31 marzo 2011

    Il fumetto minimizza l’accaduto, non mi sembra proprio il caso…a mia figlia cerco di spiegare non solo il manicomio, ma anche la bellezza di questo mondo, altrimenti non sopravviverebbe (nessuno), anche se ha già 22 anni, è importante che la bilancia non penda troppo dalla parte negativa. Per me la natura è la fonte più grande per attingere forza, l’arte, l’amore.

  3. Viola 31 marzo 2011

    Per me la natura, l’arte e l’amore sono la fonte…scusate ma sono un’italiana emigrata e a volte scrivo strano come Ste!

  4. Maria 31 marzo 2011

    1) Vorrei che un geologo mi spiegasse in che rapporto è la falda contaminata con le altre falde idriche del Giappone (e del mondo), ovvero: fin dove si propagherà la sotterranea contaminazione? Ad occhio e croce mooolto lontano, e l’acqua di falda serve per bere e per irrigare

    2) Vorrei che un ingegnere/un fisico nucleare mi spiegassero cosa caspita sta capitando e da dove viene la contaminazione. Sembrano i quiz televisivi: vuole la busta/il reattore numero 1, 2 o 3?

    Peccato che i giornalisti abbiano troppo da fare con l’Isola dei Famosi per interessarsi di queste quisquilie…

  5. ste 31 marzo 2011

    Ho il sospetto che nessuno veramente sa cosa succede la dentro, troppi sono gli strumenti rotti e non si può andare a vedere da vicino.

    Forse un regime centralizzato come quello sovietico dei tempi di Cernobyl è meglio in grado di agire con forza e determinazione che la combriccola stato-impresa privata.

    PS: non per niente adesso pensano di portare fuori la gestione della sicurezza nucleare dal ministero dell’industria. Del tipo “chiudere il pozzo dopo che il vitello è affogato”.

  6. Maria 31 marzo 2011

    Dovrebbero dirlo a Veronesi e a Romani…

  7. Geppetto 1 aprile 2011

    Viola: per me essere coscienti del manicomio nella sua interezza ne’ porta al suicidio, ne’ mpedisce di apprezzare le cose belle (tra le quali quelle che hai citato), ma ti purifica dai pregiudizi, ti fa riflettere su come muoverti, ti evita molti errori. Puo’ anche succedere che piu’ conosci il negativo, piu’ apprezzi il positivo.

    per Ste: ho avuto quell’impressione (poco fondata, invero) pure io: in regime di catastrofe puo’ essere piu’ efficiente la dittatura. Ecco, ora sappiamo perche’ in guerra vale la legge militare: che bello!

Commenti chiusi.

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi