Press "Enter" to skip to content

Facce…

di profughi.

Una volta, poco tempo fa, c’era l’usanza di accudire i profughi di guerra in casa (c’entrano le famose radici cristiane?)

…perché avevo fame e non mi avete dato da mangiare, avevo sete e non mi avete dato da bere, ero straniero e non mi avete dato ospitalità, ero nudo e non mi avete dato dei vestiti, ero malato e in prigione e non siete mai venuti a farmi visita!”

“Allora quelli risponderanno: “Signore, quando mai ti abbiamo visto affamato o assetato, straniero o nudo, malato o in prigione, e non ti abbiamo aiutato?”

“Ed egli risponderà: “Tutto quello che non avete fatto per aiutare anche l’ultimo di questi miei fratelli, non l’avete fatto neanche per me!”

Ma con “ultimo” intendeva mica un arabo, no?

2 commenti

  1. mrm 31 marzo 2011

    eh no, non ci hanno mica le radici cristiane loro! 😉
    (che poi non è detto, l’equazione arabo=islamico è tanto semplice quanto inesatta, ne sa qualcosa il tuo agente speciale in siria, che lì è pieno di chiese, e lì da mangiare nel caso te lo danno)

  2. giovanni 1 aprile 2011

    Non sono profughi di guerra…

Commenti chiusi.

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi