Press "Enter" to skip to content

Cogliamo acqua

Dicono bene:

Le condizioni meteo di questa campagna olearia sembrano proprio sfavorire gli olivicoltori. I giorni di raccolta si assottigliano, le olive cadono e si animano le discussioni con i frantoiani

Pioggia e vento.
Non potrebbero esserci peggiori condizioni per gli oliveti in un momento delicato come la raccolta. Le olive, a causa delle bizzarrie del clima, iniziano a cascolare, appesantite dall’acqua e sferzate dal vento.

Sotto due grafici, che il contadino ha imparato un po’ di openoffice.

Ieri al frantoio le sei quintali colte rendevano l’11%, ma poteva essere peggio, era la resa migliore della giornata. Le previsioni del tempo sono peggio delle notizie delle borse e dell’euro.

5 commenti

  1. dimitri 25 novembre 2010

    Io ai primi 4 q franti, con resa dell’11% e olio pessimo, HO RINUNCIATO!

  2. mrm 25 novembre 2010

    scusa ste la domanda idiota, ma non so niente di ulivi, un mio amichetto dice sempre che le olive le fanno un anno sì e uno no, funziona così?

  3. Vanni 25 novembre 2010

    Frantoio di Cerbaia: previsione di molitura 30000 Qli di olive.
    A oggi solo 16000… Forse sarà un toccasana per i prezzi (5,47 all’ingrosso l’IGP Toscano, una miseria, ma non ci giurerei…)

  4. ste 25 novembre 2010

    @mrm: In linea di massima è vero, da dieci anni. Dopo la gelata dell’85 erano “giovani” e più costante.

    Metto il grafico nel post.

  5. ste 26 novembre 2010

    @dimitri: come mai? La qualità dell’olio non è legato alla resa.

Commenti chiusi.

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi