Press "Enter" to skip to content

Dove sono ‘sti soldi?

La quota personale del deficit pubblico record: 30’000 euro a testa, bimbi compresi.

A Wallstreet pagano 144 miliardi di boni, 5 miliardi di più dell’anno scorso.

Crisis, what crisis?

4 commenti

  1. joe 13 ottobre 2010

    Guarda, mi permetto di raccontare questa fresca fresca: per una serie di inefficienze (visto da parte mia), o sfortuna (vista da parte loro) sono 8 mesi che ho una spalla ghiacciata, completamente bloccata. Tra un medico in malattia, l’altro in vacanza e l’altra in maternità, mi hanno spostato da una parte all’altra, senza risolvere il problema, anzi.
    Oggi sono andato da un ortopedico luminare, e per la modica cifra di 161,80 euro mi sono sentito dire: “deve andare a fare i bagni alle terme”. Ora, una persona sana di mente ha la minima idea di cosa vuol dire? Come posso lasciare quel poco di lavoro che riesco a fare in queste condizioni, la famiglia a mio carico, per andare alle terme a fare terapia? e dove li trovo i soldi per farlo, visto che la mutua non passa nulla?
    Non mi resta che continuare le terapie kenesiologiche che mi stanno dando perecchio beneficio…
    Ma veramente hanno perso in molti la bussola, qui… Imho, e scusatemi!

  2. Geppetto 14 ottobre 2010

    Joe: mi dispiace sentire dei tuoi guai. Non sei l’unico. E visto che ti scusi (per cosa precisamente?), sei scusato.

    “Deficit pubblico” fa rima con “deficienza pubblica”.

    Sono 40 anni che chi usa la testa non vota i partiti della bancarotta. Gli altri votanti, pero’, costituiscono una maggioranza inespugnabile di almeno 80%.

    Ergo: la democrazia ha da finire.

  3. ste 14 ottobre 2010

    Ergo: la democrazia ha da finire.

    3 volte No: è il livello di coscienza delle persone che ha da crescere.

    @Joe: Auguri di guarigione. Il corpo umano riesce a fare miracoli.

  4. Geppetto 15 ottobre 2010

    Ma quale cambiamento di coscienza?

    Bastava ancorare nelle costituzione il divieto di fare debiti: una riga.

    Troppo difficile per la deficienza pubblica.

Commenti chiusi.

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi