Press "Enter" to skip to content

Mese: luglio 2007

Ma quanto sono bravi,

…gli Svizzeri. Hanno fatta la tassa sul CO2:

Nel 2006 le emissioni prodotte dai combustibili sono calate solo del 4,6% rispetto al 1990. Non è stato quindi raggiunto l’obiettivo minimo del 6% fissato da Parlamento e governo. L’introduzione della tassa è quindi necessaria affinché la Svizzera possa rispettare l’impegno assunto nel quadro del Protocollo di Kyoto.

L’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) ha annunciato giovedì che la tassa diventa effettiva a partire dal primo gennaio del prossimo anno. La Direzione generale delle dogane riscuoterà sui combustibili fossili importati 12 franchi per ogni tonnellata di CO2 emessa, pari a circa 3 centesimi per litro di olio da riscaldamento e a 2,5 centesimi per metro cubo di gas.

La tassa aumenterà progressivamente a 24 e 36 franchi nel 2009 e nel 2010 se nel frattempo le emissioni di CO2 non saranno state sufficientemente ridotte. Il legno e la biomassa invece sono esentati.

Proventi ridistribuiti alla popolazione

Visto che non si tratta propriamente di un’imposta, ma di una misura d’incentivazione, i proventi saranno ridistribuiti due anni dopo alla popolazione, attraverso le assicurazioni malattia, e alle imprese, proporzionalmente alla massa salariale.

Le aziende che si impegnano formalmente a ridurre le emissioni di gas ad effetto serra saranno dispensate dal pagamento della tassa. Finora 600 imprese hanno già concordato un obiettivo di riduzione con la Confederazione.

2 commenti

07 07 07

Ecco, oggi è il giorno del sette.
E per aggiungere qualcosa di esotorico: Sette sono pure le epoche culturali (un altro ciclo di sette all’interno di un’altro ancora di sempre sette: le incarnazioni della terra):

India antica – Persia – Egitto/Caldea – Greca-romana – anglosassone tedesca – iraniana/russa – americana.

PS: Del numero sette ne parla anche Bertani qui.

Commenti chiusi

Live Earth secondo il contadino

Concerti gratis in migliaia di posti piccoli sparsi su tutto il pianeta dove i musicisti suonano unplugged* e la gente ci arriva a piedi o in bici. E al massimo un collegamento radiofonico. Altro che [tag]Live Earth[/tag]…

*) senza l’uso di amplificatori

7 commenti

No

dice la Spagna, complimenti!

Mentre in Germania altro che complimenti. Non esiste una tecnologia sicura.

Commenti chiusi

Energia dei campi, i numeri

Chi sa se i girasoli qui sopra finiscano nei serbatioi invece nei piatti.

Fonti Agea comunicano che nel 2007 sono stati seminati 43.400 ettari tra superfici energetiche e no food. Un risultato niente male rispetto alle previsioni anche se si è ancora lontani 400mila ettari della Francia e dai 350mila ettari dealla Germania.

Sulla parola niente male il contadino la pensa diversamente.

1 commento

Rifiuti

Un bel post informativo sulla storia brutta dei rifiuti in Campagna.

[viaBriblo]

(E per chi pensa che al Nord le cose funzionano sempre e ovunque meglio: In Germania stanno seriamente pensando di abbandonare il sistema di raccolta differenziata perché la gente separa poco e anche male: fino 50% finisce nel contenitore sbagliato, mentre ora esistono macchine in grado di separare meglio la spazzatura.)

3 commenti

Hacking the iPhone

Qui non si vuole fare parte di coloro che fanno pubblicità aggratis per aggeggi della Apple, ma questo sì che è degno di un link.

Commenti chiusi

Non parlarmi di soluzioni tecnologici

Succede che qualcuno esprime i tuoi pensieri; lo fa un po’ prima e forse pure meglio. Solo chelo faceva in inglish – se il contadino trova un po’ di tempo cerca di scriverlo lui, questa cosa:

Peak oil is upon us, or just around the corner. Global warming will continue to worsen as there are no foreseeable energy options that will allow us to replace our profligate use of fossil fuels. Global dimming, which has been weakening the impact of global warming over the past several decades, is now on the wane as we have declared war on the visible air pollutants responsible for it, clearly achieving a hollow victory in the process. This will allow the full impact of anthropogenic global warming to become very apparent over the coming decade.

But please, please, please don’t tell me that technology holds the solutions to these or other global problems, that technology will save us. Don’t tell me about hybrid vehicles, EVs, carbon sequestration, bio-fuels, bio-diesel, tidal power generation, thin film solar, the hydrogen economy, nuclear pebble bed reactors, clean coal, GTL, CTL, LNG, space mirrors, genetically modified GW-resistant plant species, scattering particulate matter in the upper atmosphere to neutralize global warming. Don’t tell me that Monsanto or Dupont or Cargill will genetically engineer some new grain seed that will double global grain production and save billions from starvation. They’ve done enough damage with their GMO monstrosities to last forcountless generations. It is our pursuit of and overuse of technology, including our flagrant abuse of genetic technology, that has driven us to this cliff in the first place.

A problem cannot be its own solution.

Tell me, instead, that people are learning that we must reduce our energy consumption. Tell me that politicians are ready to negotiate our lifestyle […]

8 commenti

Un fenomeno

E’ un po’ che non si segnala un cerchio nel grano nuovo (anche se è difficile di parlare di un cerchio in questo caso).

Commenti chiusi

Salto di qualità

Il contadino a volte non riesce a capire i politici, e non solo quelli del belpaese, e neanche San Walter è diverso. Dove si guarda questi ora vogliono aumentare l’età pensionabile, meglio se a 80 anni almeno i conti tornano per un po’ poi. Invece le cose sono così semplici.

Qui noi nella società siamo fondamentalmente d’accordo che nessuno deve morire di fame, nudo e senza casa e siamo anche abbastanza ricchi per impedirlo con un sistema più o meno sofisticato di redistribuzione della richezza medesima. Solo che l’idea di pagare le pensioni levando soldi a quelli che lavorano in cambio di un diritto alla pensione stessa non torna mica più. Mettiamo che uno sostituisce trenta operai con una macchina: la macchina non paga mica i contributi previdenziali.

Visto che siamo d’accordo che tutti devono mangiare: diamo un reddito di cittadinanza a tutti, dalla sala parto alla tomba, leviamo i contributi previdenziali sul lavoro, le tasse sul reddito e paghiamo il tutto con una Iva magari anche al 100% o più. Si chiappano i soldi dove e quando vengano spesi (sopratutto quando uno compra roba estera), il “mercato” del lavoro cambierà profondamente e anche il nostro modo di pensare che non vendiamo più ore per soldi.

Il contadino è stufo di questi politici che sanno mettere solo toppe ad un sistema marcio dentro. E sì, anche San Walter è uguale. La crescità come rimedio per tutto…l’unica cosa che cresce sempre è il cancro.

2 commenti

Allaaaaaaaaarme!

Si cita questo:

Dopo le due autobomba miracolosamente scoperte e disinnescate, Londra si prepara all’introduzione delle nuove norme di prevenzione antiterrorismo. A partire dal prossimo mese sarà vietata la circolazione alle auto a GPL e in tutti distributori, per qualsiasi operazione, sarà necessario un documento d’identità e la scansione dell’iride; inoltre verrà richiesto il porto d’armi per l’acquisto di scatole di chiodi e l’impianto di un chip RFID per ogni possessore di cellulare.

Non ridere che son cose serie. La Germania correrà immensi rischi di attacchi terroristici se non si può fare la cosidetta perquisizione online, cioè installarti un trojan per poter spiarti il PC; lo dice il ministro dell’interno a qui piace molto aumentare il livello di allarme.

5 commenti

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi