Vogliaditerra

7 maggio 2010

Due terzi vivi, un terzo no.

Negli Statin Uniti un terzo delle api non ha sopravissuto l’inverno; adesso è il quarto anno di fila.

US scientists have found 121 different pesticides in samples of bees, wax and pollen, lending credence to the notion that pesticides are a key problem. “We believe that some subtle interactions between nutrition, pesticide exposure and other stressors are converging to kill colonies,” said Jeffery Pettis, of the ARS’s bee research laboratory.

Qui l’apicoltore che tiene un centinaio delle sue arnie sul podere del contadino ha avuto una perdita bassissima, come un po’ tutti quest’anno. Il problema è la pioggia adesso.

Commenti:


  1. io invece sono in media USA….
    30 arnie nel 2009, adesso siamo a 12……


    Scott Fitzgerald

  2. Ma non era colpa dei nicotinoidi???


    Debora

  3. Da noi principalmente sì, in America non solo questo ma un misto di molte altre cause


    ste

  4. Ciao Scott, di cosa ti sono morte le api ? Presumo di Varroa…

    P.S.
    Non prendiamo esempio dall’America per quanto riguarda tutta l’agricoltura in generale…


    Gabriele Landi

  5. le mie sono morte più che altro per il freddo, qua in Liguria erano anni che non si vedeva un inverno del genere.
    poi beh anche la varroa ci ha messo del suo


    Scott Fitzgerald

Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore declina inoltre ogni responsabilità per un eventuale cambiamento di vita, anche drastico, come effetto collaterale di una navigazione incontrollata all'interno del sito. Punto. E ci vuole pure una pagina con le norme sulla privacy.


Vogliaditerra funziona con Wordpress - 75 queries in 0,716 secondi | Layout (modificato) da GPS Gazette

Continuando navigare nel sito accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi