Press "Enter" to skip to content

Alzheimer invece

Titoloni del tipo

Alzheimer, ricercatori italiani scoprono i meccanismi all’origine della malattia

fanno vedere quant’è lunga la strada ancora per capire che l’origine di moltissime malattie non è sul piano materiale.

L’Alzheimer è nato perché l’uomo ha perso il rapporto cosciente con la morte.
Ignorando la morte è nato una certa incapacità di morire. Questo è stato compensato inserendo una specie di morte strisciante nella vita.
Nel momento nel quale l’umanità con la volontà cosciente riprenderà la responsabilità e la collaborazione con la morte Alzheimer cesserà di essere un problema.

4 commenti

  1. marco 3 aprile 2017

    Ciao contadino, puoi spiegarti meglio?
    Hai un link da darci?
    Ti ringrazio

  2. ste 3 aprile 2017

    Meglio come? Mi sembra essere stato abbastanza chiaro, ma forse do troppo per scontato che si ha sentito parlare del corpo eterico, corpo astrale ecc., trovo questo cercando velocemente.
    La citazione è tratto di questo libro; alla fine penso che per approfondire questi concetti i libri o conferenze siano molto più adatti che siti internet – in rete si tende sempre di saltare da una cosa all’altra e qualcosa che ci impegna più di 3-4 minuti la abbandoniamo.

  3. Geppetto 9 aprile 2017

    Durch die gesamte Geschichte hindurch wurde der fortschreitende geistige Verfall im Alter erkannt und beschrieben. Doch erst Anfang des 20. Jahrhunderts, im Jahr 1906, identifizierte der deutsche Arzt Dr. Alois Alzheimer (1864-1915) das Beschwerdebild abnormaler Gehirnzellen.

    “gesamte Geschichte” significa per me, per esempio, che pure gli antichi romani morivano dementi. Per quanto ne so, quelli avevano un rapporto ben cosciente con la morte.

Commenti chiusi.

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi