Press "Enter" to skip to content

Il diserbo nel urina

Il contadino non sa quanti post ha scritto su e contro il diserbo, espressione esemplare del degrado del rapporto uomo-natura in chiave economica. Ora esce questo studio: si trova nelle urine di 70% dei cittadini tedeschi mentre la media europea è di 43%, i dati sono molto variegati tra i paesi e manca l’Italia. In Germania viene utilizzata su 40% della superfice agricola.

roundup

Il glifosato è stata rilevato da Arpa nel 68% dei 168 punti di analisi delle acque di fiumi e laghi lombardi.

I più danneggiati sono gli operai agricoli e sembra che nella America del Sud della soja transgenica sia sempre più evidente il nesso tra malformazioni dei neonati e uso del roundup della Monsanto. Studi con ratti dimostrano effetti forti sul sistema ormonale.

Ma il problema vero è che è stato prolungato il permesso di uso dalla parte della EU fino il 2015, senza alcun ulteriore approfondimento. E non ci vuole scienza per capire quanto è innaturale e dannoso, basta vedere con l’anima i campi rossi, le vigne, gli uliveti e i cigli trattati.
diserbo-oliviolividiserbo

5 commenti

  1. Diego 14 giugno 2013

    Se ti riferisci agli studi di Seralini sll’effetto del glifosate sui ratti, sono stati abbondantemente sbugiardati, per aver utilizzato delle cavie portate geneticamente a sviluppare dei tumori e per aver usato un numero di soggetti irrilevante dal punto di vista statistico. Se ci sono altri studi potresti postare il link o dare dei riferimenti? Grazie Diego

  2. ste 15 giugno 2013

    L’articolo (tedesco) da dove ho preso la notizia non parla di tumori dei ratti ma di

    effetti negativi sul sistema ormonale, per esempio sul testosterone, e nelle femmine sarebbe stato inibito la formazione di estrogeno e effetti negativi sulla gravidanza e i feti

    Grazie, devo approfondire, ma sembra che si tratti di studi diversi.

  3. Vittorio B. 16 giugno 2013

    Un aiuto al contadino per l’approfondimento.

    L’articolo originale è sul sito dell’Associazione per l’ambiente e la conservazione della natura in Germania (BUND): Unkrautvernichtungsmittel Glyphosat im Urin von Großstädtern aus 18 europäischen Staaten nachgewiesen
    In fondo al testo il link al documento di riferimento sull’uso del glyphosate: Hintergrundpapier zum Einsatz von Glyphosat

    BUND è un’affiliazione di Friends of the Earth Europe (FOE) e sul suo sito si trova l’analogo articolo in inglese: Weed killer found in human urine across Europe.

    Il documento di riferimento in inglese: Glyphosate – Media Briefing

    Tutti gli articoli scientifici di riferimento sono riportati in calce nel documento suindicato, tanto nella versione tedesca, che in quella inglese.

    Poi, tanto per il piacere di saperlo, sta arrivando l’indaziflam

  4. ste 16 giugno 2013

    Grazie mille (commenti con molti link devo approvare prima).

    Nello studio con le urine cmq i campioni (118 se non erro) su tutto Europa mio sembrano pochi.
    Preso uno degli studi a caso e trovo che il roundup sarebbe sempre più tossico (su celle dell’utero) che il glifosfato puro:

    Surprisingly, Roundup is always more toxic than its active ingredient.

    http://www.mindfully.org/Pesti.....4feb05.htm

    Vedo che l’indaziflam non è consentito in agricoltura:

    II. USE PATTERNS AND FORMULATIONS
    Application Sites: Indaziflam is a selective herbicide providing pre-emergence and post-
    emergence (when indaziflam is formulated with 2,4-D, dicamba, mecoprop, and penoxsulam)
    control of annual grasses and broadleaf weeds. Indaziflam is registered for application to
    residential and commercial areas (lawns, ornamentals, and hardscapes including patios,
    walkways, etc.), turf (parks, cemeteries, golf courses, sod farms, sports fields, and commercial lawns), field grown ornamentals and Christmas trees, commercial nursery and landscape plantings, and forestry sites.

    sarà un problema per i bambini nei parchi e per i golfer…

  5. Vittorio B. 16 giugno 2013

    Purtroppo nelle Americhe, dal nord al sud, indaziflam si sta già cominciando a usare in agricoltura (vedi: Jun. 3, 2013 – Bayer launches herbicide Alion for fruit trees in Argentina), in alternativa o in associazione al glyphosate, a causa dell’insorgere della resistenza all’erbicida e del weed shift.

    The German firm holds that this is an attractive product to introduce to any management weed program that aims to prevent resistance adoption. Juan Ignacio De Castro, responsible for Fruit Crop Marketing at Bayer CropScience, points out that it has a “long-term residual effect and great resistance to Indaziflam degradation when different environmental variables appear in fruit and citrus lands, vineyard, and olive groves”

    Quello di città non stenta a credere di avere il glyphosate nell’urina, visto che “il glifosato è stata rilevato da Arpa nel 68% dei 168 punti di analisi delle acque di fiumi e laghi lombardi”. E francamente (visto che non è più, come non è mai stato solo un problema dei contadini), per fare massa critica non vorrebbe aspettare di pisciare anche un po’ della nuova fluoroalchiltriazina.

    Con buona pace di tutti quelli che fanno le pulci agli studi scientifici, lo si voglia o no, fuori dai laboratori la realtà esiste ed è inquietante.

Commenti chiusi.

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi