Press "Enter" to skip to content

Il succo

strettoio

Oggi si è cominciato a vendemmichiare, 32 cassette di uva bianca bellissima per il vin santo e 4 bigonce di canaiolo per la prima mandata del succo d’uva pastorizzato. Quest’anno almeno ha piovuto bene prima della vendemmia, anche se troppo tardi per certe vite che portano un uva leggerina e piccola, nel tutto la situazione è un po’ meglio del anno scorso (che però ha dato un vino però fenomenale), però qui c’è per la prima volte il cinghiale in giro che sciupa l’uva, dopo che ha già rigirato mezza letamaia e coltrato un bel po’ del pascolo l’inverno scorso.


L’impianta ecologico a norma EU in uso, capacità: due bolliture di circa 40 bottiglie di birra ciascuno al giorno.

5 commenti

  1. Valter 15 settembre 2012

    cosa fai bollire nelle bottiglie di birra?

  2. ste 15 settembre 2012

    Mi sembrava che è chiaro… il succo di uva… detto anche mosto.

  3. Valter 15 settembre 2012

    ah ecco. qui da noi non si fa. noi facciamo bollire il mosto in un pentolone per 12 ore e otteniamo la saba. un’altra cosa…

  4. meeme 16 settembre 2012

    Ciao Valter,se avete tanta uva, magari dolcissima come quella di Ste, vi converrebbe farlo,è divinamente buono-
    poi si sa che lo si preferisce andato a male, sotto forma di vino.

  5. barbara m. 16 settembre 2012

    che bello! dai, se l’anno prossimo davvero riesco a ripristinare la vigna, vengo a imparare a fare il succo d’uva 🙂 e poi il vincotto che dovrebbe essere l’intruglio che facesti due anni fa. in Puglia ci fanno dolci buonissimi soprattutto questi .
    (controllato gli ulivi x la mosca a me pare che non c’è o almeno buchini non ne ho visti)

Commenti chiusi.

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi