Press "Enter" to skip to content

Io paghi tu paghi


“Sono basito e preoccupato – ha detto Catania incontrando i giornalisti – c’è in atto un duro attacco a queste norme soprattutto relativo all’obbligatorietà dei pagamenti a 30 e 60 giorni. Non capisco come chi incassa cash tutti i giorni possa essere contrario a pagare in tempo”

Ha ragione, ovviamente, il ministro Catania.

3 commenti

  1. Vittorio B. 15 febbraio 2012

    Catania fa il finto tonto; in realtà lo capisce benissimo e lo capiamo anche noi. Chi sul mercato si trova in una posizione di forza – la Pubblica Amministrazione come le grandi aziende della distribuzione, ma non solo – perché dovrebbe rinunciare al finanziamento a costo zero rappresentato dal “credito volontario” fornito “pistola alla tempia” dai propri fornitori?

    In ogni caso bisognerà fare i conti con la Direttiva 2011/7/UE del Parlamento europeo e del Consiglio dell’Unione Europea del 16 febbraio 2011. Tanto più che il disegno di Legge Comunitaria 2012 prevede di anticipare di due mesi il termine del recepimento delle direttive, onde evitare le procedure di infrazione e le relative multe.

  2. ste 15 febbraio 2012

    Da sempre mi sono meravigliato come girano male e a rallentatore i soldi in Italia, come tutti gli immigrati provenienti dal nord, dove a volte ti danno 2% di sconto se paghi entro 10 giorni e in 30 giorni viene pagata ogni fattura.

    Grazie dei link ottimi 🙂

  3. Vittorio B. 15 febbraio 2012

    Caro Ste, quello dei pagamenti ritardati in verità non è problema solo italiano, se no non si capirebbe la necessità di una direttiva europea, e basta leggere il preambolo della direttiva stessa. Però è pure vero quello che scrivi dell’Italia. E’ ben precisato in un articolo della rivista elettronica Amministrazione in cammino:

    È stato … stimato che a livello europeo nel 2010 il periodo medio di pagamento è stato pari a 63 giorni per i crediti verso il settore pubblico e a 55 giorni per quelli verso le imprese; il Vicepresidente del Parlamento Europeo ha dichiarato che l’Italia è nella black list dei Paesi dell’Unione europea per il ritardo dei pagamenti: 186 giorni per il settore pubblico e 96 giorni per le imprese, con punte di 500-600 giorni nella Sanità.

Commenti chiusi.

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi