Press "Enter" to skip to content

Mese: dicembre 2010

L’api-leak

Come sono importanti i “leak”, cioè il passaggio di documenti riservati al pubblico si vede anche da questo caso.

The document, which was leaked to a Colorado beekeeper, shows that the EPA has ignored warnings about the use of clothianidin, a pesticide produced by Bayer that mainly is used to pre-treat corn seeds. The pesticide scooped up $262 million in sales in 2009 by farmers, who also use the substance on canola, soy, sugar beets, sunflowers, and wheat< "Clothianidin’s major risk concern is to nontarget insects (that is, honey bees). Clothianidin is a neonicotinoid insecticide that is both persistent and systemic. Acute toxicity studies to honey bees show that clothianidin is highly toxic on both a contact and an oral basis. Although EFED does not conduct RQ based risk assessments on non-target insects, information from standard tests and field studies, as well as incident reports involving other neonicotinoids insecticides (e.g., imidacloprid) suggest the potential for long-term toxic risk to honey bees and other beneficial insects."

In pratica l’EPA (L’United States Environmental Protection Agency è il principale ente di protezione ambientale degli Stati Uniti. Tra i suoi scopi rientra anche la protezione della salute umana) ha nascosto le prove della dannosità del Clothianidin (uno dei neonicotinoidi) e tutto’ora negli Stati Uniti sono usati, mentre (tardi) qui sono vietate. Con divieto in proroga, per ora, che forti sono me lobby.

Commenti chiusi

Niente è eterno

Domenica mattina il contadino trovò la palla franata.

5 commenti

Musica sacra

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Amici, tra poco è natale e anche questo blog cerca di contribuire di fare nascere i sentimenti veri e profondi dei quali noi tutti abbiamo bisogno.

1 commento

Occhio al cielo

Visto che già da due giorni il tempo è tornato sereno: Da oggi a dopo domani si vede bene come si avvicina la luna a Giove. Ma lo spettacolo vero dovrebbero essere le Geminidi, con un massimo di stelle cadenti di cento all’ora tra lunedì e martedì, da mezzanotte (quando la luna tramonta insieme a Giove) all’alba. Prendono il nome dei Gemelli, in quanto sembrano di venire da lì.

Ottima occasione per esprimere desideri (personali e globali).

1 commento

Lo sporco a galla

Wikileaks su Pfizer
:

A metà degli anni Novanta migliaia di bambini di Kano [in Nigeria]si sono ammalati di meningite. I medici della Pfizer ne hanno curati duecento, metà con il nuovo Trovan e metà con il miglior farmaco contro la meningite sul mercato al tempo, il Ceftriaxone. Durante il trattamento sono morti cinque bambini sotto cura di Trovan, e sei sotto cura di Ceftriaxone, un buon risultato per i medici dell’azienda. In seguito la Pfizer è stata però accusata di non aver chiesto il consenso dei genitori dei bambini per il trattamento sperimentale. Il Trovan è stato poi commercializzato per gli adulti europei e in seguito ritirato dal mercato per timori sulla sua tossicità.

Ma il peggio è il ricatto che hanno provato per non pagare il risarcimento di $75milioni .

Commenti chiusi

Pensieri legnosi duri

Il Bianchi anni anni fa aveva detto che prima non c’erano finché uno l’ha messo come palo nella vigna e quello s’attaccò. Ci sta che voleva solo prendere in giro il contadino, ma c’è della verità. Immaginare un paese senza pali, senza recinzioni – infatti i filari delle viti qui erano rette da “pioppi” (frassini) potati. Ma escluso il castagno non c’era legno che reggeva più di due anni sotto terra. Finché sono arrivati loro, le acacia o meglio robinie.

Si espandono ancora e il contadino in questa parte del terreno ripido che negli anni sessanta era uliveto e vigneto li cura, nel senso che li pota un po’, lascia solo quelle dritte e li lascia crescere finché sono pronti a fare il loro secondo dovere: pali per i recinti, per la vigna, per capanne. Il primo è di fiorire, per il miele: è quello pagato di più.

4 commenti

Quando c’era Obama

Il contadino lo sa sì, non è mica carino di confrontare gli azioni di adesso dei politici con le parole e promesse fatte in campagna elettorale:

Protect Whistleblowers: Often the best source of information about waste, fraud, and abuse in government is an existing government employee committed to public integrity and willing to speak out. Such acts of courage and patriotism, which can sometimes save lives and often save taxpayer dollars, should be encouraged rather than stifled. We need to empower federal employees as watchdogs of wrongdoing and partners in performance. Barack Obama will strengthen whistleblower laws to protect federal workers who expose waste, fraud, and abuse of authority in government. Obama will ensure that federal agencies expedite the process for reviewing whistleblower claims and whistleblowers have full access to courts and due process.

[Protezioni agli informanti. Spesso la miglior informazione su sprechi, frodi e abuso nei governi vengono da impiegati che vogliono parlare… Atti di coraggio e patriotismo… vanno incoraggiati…. ]

Infatti, gli russi lo vogliono come premio Nobel.

PS a proposito dei Russi: loro sì che hanno capito che forse non è il massimo di riservatezza essere dipendenti di Mastercard, Visa e compagnia (americana) bella e fanno un circuito di pagamento nazionale:

Implying that Russian security services were behind this decision, Vishnyakov said, “There is some secret (government) order that no one has seen, but everyone has to abide by it.” As described reftel, credit card company and bank representatives have told us that GOR officials apparently assume that US payment systems routinely share data associated with payment transactions by Russian cardholders with intelligence services in the US and elsewhere.

4 commenti

L’abbandono

Succede che un contadino dice una cosa saggia. Settimana fa ai coldiretti mentre si faceva la fila per la denuncia dell’uva (pioveva e Piero diceva che i contadini sarebbero come le chiocciole – sortano quando piove) uno anziano sentenziava:

“A un certo punto la pianta abbandona l’oliva”

Infatti: pioveva a dirotto tutta la domenica prima, ma da lunedì in poi le olive erano vizze e rimanevano così per gli ultimi dieci giorni di raccolto. Che sarebbe finito, da ieri sera. Il contadino cerca con difficoltà di riprendere piede in attività diverse della brucatura, di solito ci vuole un tre giorni.


Sembra che il contadino e i suoi sono tra gli ultimi che ancora raccolgano senza macchinette. Ci vuole il doppio di tempo ma raddoppia anche la qualità del tempo passato insieme sotto gli ulivi.

Tempo di raccolto 46 giorni, 430 alberi, 45 quintali di olive, olio ottenuto quasi sei quintali (è in vendita, si spediscono volentieri lattine di 5lt à €55), resa media intorno il 12%, pioggia caduta 200mm di novembre e 50mm l’ultima settimana. Un fango dappertutto.

E i pensieri da un po’ vanno già nel futuro: dove portare quanto letame, respingere nuovamente il bosco che circonda il podere, potare,sistemare i recinti e le mille altre cose che distinguono la terra coltivata dalla macchia e preparano le condizioni per un raccolto il prossimo anno.

Un cerchio eterno seguendo gli stagioni.

4 commenti

Wikileaks verso il gossip

Per chi si interessa: ecco alcuni dettagli sulle accuse contro Assange.

I’m very surprised that christian feminist ‘equality’ women can so idolise a WikiLeaks hero that they do all in their power to get him into bed as soon as they have the chance. And then, when they realise he’s not as interested in them as they are in him, go to the police and accuse him of rape. This demonstrates an extreme contempt for the women who are real victims of violence and sexual crimes. Their behaviour is unconscionable.

Commenti chiusi

Wikileaks in asilo svizzero

Vedere che l’indirizzo del sito vincente adesso è wikileaks.ch ha riempito il contadino con un pizzico di orgoglio. Sul blog di Denis Simonet, fondatore del partito pirata svizzero i dettagli, ecco un riassunto:

Io e Pascal Gloor abbiamo veramente incontrato Julien Assange [a Ginevra] come scrive la Aargauer Zeitung e abbiamo mangiato una pizza.

Lasciamo il culto personale e occupiamoci di Wikileaks. Tutto cominciò con una decisione del consiglio dei Pirati: abbiamo deciso di sostenere Wikileaks [il 5.novembre] e offrire aiuto al suo fondatore e portavoce sotto critica Julian Assange. Siccome considerava una residenza e una richiesta d’asilo politico in Svizzera eravamo sicuro che avrebbe avuta qualche domande, essendo il federalismo e la democrazia diretta nuovo per un Australiano.

Il risultato si vede adesso: usano il dominio registrato di Denis Simonet.

Il numero IP di wikileaks.ch http://213.251.145.96/ corrisponde a un server francese e non risponde ai ping. Vedremo se anche i francesi provano di metterlo offline.

Aggiornamento (via fefe): I francesi avrebbero dichiarato guerra a wikileaks.

On ne peut héberger des sites internet qualifiés de criminels et rejetés par d’autres États en raison d’atteintes qu’ils portent à leurs droits fondamentaux”, écrit Éric Besson

E qui la lista dei indirizzi alternativi (grazie a Lorenzo)

11 commenti

Un bel taglio di capelli ora

E’ alquanto strano di vedere il metodo adoperato per “sanare” i debiti di Grecia, Irlanda, Portogallo con la Spagna e l’Italia in lista aggiungendone altri ancora. Alzi la mano chi crede che questa cura porti a qualcosa. Prolunga l’agonia e basta, sopratutto perché tutti si “devono” mettere a risparmiare, strozzando definitivamente ogni eventuale crescita.

Tra qualche anno massimo ci sarà la bancarotta di molti stati dell’Eurolandia. Il termine technico però è haircut: pagare solo un tot% dei debiti. E allora perché non si fa ora? Perché abbiamo fifoni al governo?

2 commenti

Fotovoltaico a terra

Da vecchio pioniere fotovoltaico il contadino non riesce di capire come mai sia possibile di riempire terreni con impianti fotovoltaici.

In un mondo ideale prima si coprano tutti i parcheggi, le zone industriali, i tetti delle fabbriche e dopo magari si pianta una striscia di panelli su un ciglio lungo l’autostrada. Ma intanto è partito la logica dell’affare, e si fa energia rinnovabile con la stessa logica industriale delle pruduzioni di armi o di automobili.

Nel suo piccolo ha messo gli ultimi panelli sul ciglione dietro casa solo dopo che non trovava più posto sul tetto, ma è nel grande che si combinano i guai.

2 commenti

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi