Press "Enter" to skip to content

La paura dei ricchi

La maggioranza dei votanti svizzeri l’ha rifatto (dopo il divieto dei minaretti):

L’iniziativa introduce nella Costituzione federale l’obbligo di espellere dalla Confederazione gli stranieri condannati per gravi reati, quali omicidio, rapina, traffico di esseri umani, stupri e altri reati violenti, come pure abusi nelle prestazioni dell’assistenza sociale o di assicurazioni sociali. Una volta che la condanna è cresciuta in giudicato, l’espulsione è automatica. Il divieto di entrata in territorio svizzero va dai 5 ai 15 anni. Per i recidivi è di 20 anni.

L’abuso nelle prestazioni dell’assistenza sociale come un omicidio?

Un altro grande piccolo passo indietro verso il medioevo. Viene da chiedersi se bisogna ripensare il sistema della democrazia diretta? Ma quasi ovunque nel mondo gli populisti di destra vincono le elezione con la stessa musica stuonata, facendo leva sulla paura.

2 commenti

  1. Uguccione da Lorenzana 28 novembre 2010

    Dai retta palle, stai a palaia…

  2. Mik 29 novembre 2010

    Purtroppo sembra che il principio di Pareto si applichi anche alla sociologia. L’80% della popolazione sono ignoranti paurosi (nel senso che si spaventano facilmente) e il restante 20%, o poco meno, e’ quello che ci marcia. E ovviamente questi partiti populisti… ci marciano.
    Io spero solo di riuscire a crescere i miei figli con gli strumenti per difendersi da questo.

Commenti chiusi.

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi