Press "Enter" to skip to content

Febbre non suina

Visto che moriremo tutti comunque ( è sarà nel momento preciso e esatto quando moriremo) si potrebbe anche riparlare del terremoto o meglio parlare un po’ meno.

Ma visto che i media non lo faranno rimane soltanto la scelta libera di non ascoltare e seguire l’ultimo (e magari anche il prossimo) isterismo.

18 commenti

  1. giovanni 27 aprile 2009

    Oh… perfetto!!!
    Ma d’altronde bisogna sempre parlare di qualcosa…
    Poi sta pandemia suina… mi sembra un’altra fola come la sars…

    Si va a finire di potare gli ulivi, che quest’anno sono veramente strani…

  2. ste 27 aprile 2009

    Anche da te, dove stai? Qui sembrano bruciati dal freddo sul tufo, meno sull’argilla. Brutti brutti.

  3. giovanni 27 aprile 2009

    Sul tufo anche io. Tra Asciano, Sinalunga e Trequanda, (Crete Senesi).
    Chi soffre di più è il Frantoio vecchio, meno il Leccino.
    Se ne parlava con altri ieri e si dava la colpa al freddo… quest’anno la vedo magra…

  4. luk 27 aprile 2009

    anche da queste parti (palaia, colline pisane) son tutti pelati….

  5. jacktisana 27 aprile 2009

    che belli che siete! contadini veri in luoghi diversi che intrecciano le loro esperienze sull’internet, questa è la bella notizia!

    tutto il resto, da anni, non sà dà seguir

  6. Simo 30 aprile 2009

    Brutti olivi anche nella zona colline scandicci…pelati…buttano la foglia ora..di mignola un ce n’è!

  7. Geppetto 30 aprile 2009

    Cos’e’ la mignola?

  8. Geppetto 30 aprile 2009

    Ah! grazie.
    Allora speriamo in una veloce ripresa della fioritura ed in un altrettanto veloce crollo dei prezzi degli insaccati di qualita’.

  9. ste 30 aprile 2009

    veloce=prossimo anno

  10. Harlock 30 aprile 2009

    I prezzi crollano e i contadini spariscono!

  11. Geppetto 4 maggio 2009

    Eppure ci deve essere qualcuno che fa il lavoro per loro a giudicare dall’abbondanza dell’offerta alimentare.

  12. Geppetto 4 maggio 2009

    Stavo pensando che probabilmente e’ vero il contrario: i contadini spariscono (per la meccanizzazione e l’idustrializzazione della catena alimentare) ed i prezzi crollano.

  13. Harlock 4 maggio 2009

    I contadini spariscono perché l’unica cosa che ha valore, non si vuol far pagare nulla, a scapito della qualità.

  14. Geppetto 4 maggio 2009

    Bello il tuo sito (ci sono capitato per caso).
    Non ho capito bene la tua frase: volevi dire “i prodotti alimentari sani (diciamo cosi’?) non hanno abbastanza mercato”?

  15. Harlock 4 maggio 2009

    …non gli si dà il giusto valore. Spendiamo molti soldi per cose inutili, o cose che di valore hanno solo il marchio e invece per la cosa più importante per la sopravvivenza, il cibo, non vogliamo mai spendere troppo..

  16. Geppetto 4 maggio 2009

    Concordo

Commenti chiusi.

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi