Press "Enter" to skip to content

Promemoria

Alle orecchie del contadino arriva un gran parlare di crisi economica e gli esperti del turno cercano di ispirare fiducia: nel 2010 massimo 2011 tutto torenerà come prima, ricomincerebbe a crescere e bisogna essere pronto, la formazione è importante ecc ecc.

Ma sembra che quasi tutti pensano che siamo noi al servizio dell’economia, invece è l’economia che deve servire a noi e ai nostri bisogni (che potrebbero anche essere diversi che un lavoro precario in un call-center).

Per il resto ci sta pure che i conti non tornano e prima si deve passare un inflazione tosto per farci passare definitivamente l’idea di continuare come prima.

3 commenti

  1. marzia 24 febbraio 2009

    crescere… fino a dove? perchè? qui stanno costruendo dappertutto (centri commerciali, parcheggi, alla faccia della crisi) e spariscono i pascoli per le pecore. ma chissenefrega, bisogna crescere, i pastori se ne vadano altrove o cambino mestiere, no?

  2. Andrea 24 febbraio 2009

    Ma chi ci va ad abitare in quelle case nuove?
    A Viterbo la popolazione è stabile sui 60’000 abitanti fin dal medioevo, ma continuano a costruire palazzi come funghi. A che pro?
    Se veramente, finita la “crisi”, si ritorna al “prima”, allora veramente non abbiamo imparato niente…

    Andrea scripsit.

  3. Geppetto 25 febbraio 2009

    Qui
    http://www.provincia.vt.it/age.....6/13_1.pdf
    parla di un aumento del 10% in provincia negli ultimi 20 anni.
    Poi c’e’ l’aspetto del parco case italiane ultravecchie.
    Ed infine l’aumento sconsiderato dei prezzi al mq della “capitale” negli ultimi cinque anni.

    Per me quelle case riescono a venderle.

Commenti chiusi.

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi