Press "Enter" to skip to content

In memoria di Fritz

Niente, era tornato stanotte per morire sotto l’acquaio accanto la cisterna, e non si sa cosa aveva.

Era un po’ che mancava, cinque sei giorni, ma per i maschi è normale questo. Quando era giovane, molto giovane, aveva presa un pinzo di un ape mentre beveva che anche le api bevevano lì, sopra la cisterna. L’infiammazione era salita per le guance per finire nelle punte delle orecchie che marcirono. Questo gli ha dato quel aspetto da lince. Poi ronfava appena lo toccavi, dall’inizio. Un anno di vita, e anche questo succede spesso, per i maschi.

Era speciale.

8 commenti

  1. valverde 28 giugno 2008

    mi spiace molto… posso capire perchè abbiamo 7 gatti e sono parte della nostra famiglia,ciao val

  2. fabio 29 giugno 2008

    io ne avevo uno simile,una femmina semiselvatica ma tenerissima con i figli e con me,dopo anni di lentissimo avvicinamento.ora non c’è piu ma rimarrà per sempre quello che ha dato.

  3. Aspirante contadino 29 giugno 2008

    MI dispiace..

  4. mrm 29 giugno 2008

    un bacino

  5. sergio 30 giugno 2008

    Chissà se Fritz giocherà con il nostro gatto ora!
    Troppe volte gli esseri umani celebrano esageratamente i propri simili (anche se non lo meritano) e troppo spesso invece non ne danno a chi lo merita.

    Sergio

  6. silviu' 30 giugno 2008

    Comprensione totale da parte mia.
    Io sono stato di un gatto per 17 anni…

  7. Marco 30 giugno 2008

    Caro Ste,
    quando è morto il mio gatto tanti anni fa gli ho scritto queste parole.
    Un caro saluto a te e un pensiero per Fritz. ciao

    marco

    Mi trovo
    scaraventato a terra
    dalla tua eccessiva innocenza
    rappresa nella morte, e nel vento
     
    Ormai non resta che questo,
    solo omaggio a un legame terreno.
     
    Si dirà: solo un gatto.
    Ma anche un piccolo aratro
    pure incide dei solchi alla terra.
    Con affetto, e dolore.
     
    E nella casa
    di un uomo,
    proprio in questa casa,
    improvvisa, si è spenta una luce.
     

  8. Laura 1 luglio 2008

    Mi dispiace molto per il giovane Fritz.

Commenti chiusi.

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi