Press "Enter" to skip to content

La marea

E’ solo che al contadino sembra che è stato detto tutto, una marea di parole parole parole: il nucleare inutile e dannoso anche se lo fanno gli negri Albanesi per noi, l’agricoltura biologica che consuma 30% di energia di meno producendo cibo più sano senza rovinare il suolo, le energie rinnovabile di qua e di là e che forse non è più il caso di fare giorno delle notti buie e neanche di tenere acceso la tv (e il PC) tutto il santo giorno; la decrescità e il yogurt fatto in casa; è stato detto tutto e di più.

capretti

Almeno la capra ha figliato, dopo due anni. Altro che parole.

7 commenti

  1. studium 31 maggio 2008

    Viva la capra 🙂

  2. marco I. 1 giugno 2008

    d’accordo su quasi tutto.
    e anche sul biologico.
    ma il biologico ha ,dati alla mano, una resa di molto inferiore all’agricoltura tradizionale. è un dato di fatto che, ahimè, non possiamo cambiare.

  3. meeme 1 giugno 2008

    Prima vi abbiamo perso con la televisione, ora vi siete dati all’ambientalismo.
    Bravi, adesso ci piacete di più.
    Il picco è stato raggiunto, se non trovate nuovi argomenti, dovete cominciare a farci compagnia.

  4. andrea 1 giugno 2008

    Congratulazioni alla puerpera.

    Andrea scripsit.

  5. barone2k 2 giugno 2008

    pensa che figo le notti un pò più buie con un pò di luci in meno, sai come si vede figo il cielo poi
    l’altra sera ad ulisse hanno fatto vedere come si vede il cielo dalla death valley, era una cosa pazzesca stracolmo di stelle incredibile

  6. meeme 3 giugno 2008

    Pensa senza luna nè stelle che spaventoso sarebbe il cielo di notte, o senza il rumore dei grilli.
    Che silenzio nero di solitudine!
    Solo dormendo in mezzo al nulla si capisce.. e uno ringrazia.. anche se non ci crede:-)

  7. Nicola 3 giugno 2008

    Si, vabbè, il biologico da una resa inferiore all’agricoltura “industriale”… ma se gli occidentali la smettessero di mangiare e consumare per tre non sarebbe poi tanto un problema…
    Complimenti alla mamma

Commenti chiusi.

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi