Press "Enter" to skip to content

Il prezzo non è tutto

Da qualche parte il contadino aveva letto che nel mondo globalizzato di oggi la sovranità alimentare dei singoli paesi non sarebbe importante. Ecco, se il comunismo è morto perché soffocava l’economia, il capitalismo muore perché soffoca la terra fertile alla fine. Se la politica agraria decide che la Francia fa i vitelloni e noi facciamo girasoli, grano duro e granturco mentre i olandesi si occupano di polli e maiali e la Germania di latte (perché lo fanno a miglior prezzo) è tutto bellino all’inizio: prezzi bassi – ma molto traffico di concimi e mangimi e pure i prodotti agrari devono viaggiare molto fino raggiungere i supermercati.

Forse qualcuno si rende conto che in un futuro molto vicino non si può più pagare tutto quel trafficoe quel fertilizzante (legato 1:1 al prezzo del gregge). E avremo terre senza un animali quindi senza letame mentre in altre zone la carne per qualche mese sarà gratis perché non hanno più mangimi. Il mercato non regola tutto, purtroppo. E ci pensa la natura alle correzioni necessari che possono essere anche dolorose, tipo fame.

L’auspicio è che i vari ministri di agricoltura riescono a ri-permettere un agricoltura locale diversificata e robusta, pronto a sopravivere senza grandi input energetici. Ma qui si ha qualche dubbio.

2 commenti

  1. equipaje 6 maggio 2008

    No, infatti, il prezzo non è tutto -e mi pare quasi inutile commentare il consueto atteggiamento capitalista alla “sego il ramo su cui sono seduto” (un dettaglio che su quel ramo ci siamo pure noi, eh).

    Nonostante l’evidente miopia, purtroppo però il prezzo rimane l’argomento principe che, al dunque, orienta la scelta di acquisto, mi sa.

    Ciao Ste

  2. Harlock 6 maggio 2008

    Mica si può avere tutto dalla vita: mangiare, bere, dormire e sperare che ci portino il cibo senza sporcarci le mani, perché sono altri che ci pensano.
    Tutto questo ha delle conseguenze non prevedibili.
    Ognuno di noi dovrebbe avere le responsabilità di ciò che mangia e ciò che consuma.
    Ma mi sa che è più facile andare al supermercato e lamentarsi dei prezzi.

Commenti chiusi.

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi