Press "Enter" to skip to content

Storia di banditi

polluting-coal-plant-itlay.jpg

I 12 banditi che appendevano uno striscione alla centrale di carbone più inquinante d’Italia (emissioni: quasi 15’ooo’ooo tonnellate di CO2 /anno) possono rientrare in territorio:

Il Tar di Lecce ha annullato l´ordinanza del questore di Brindisi che vietava a dodici attivisti di Greenpeace di rientrare nella città per tre anni. Quelli che erano stati subito ribattezzati “i banditi” erano colpevoli di aver protestato pacificamente in quella che Greenpeace considera la centrale Enel più inquinante d´Italia.

Nella sentenza del Tar ora si legge: «L´attività dimostrativa è stata attuata a difesa di valori costituzionalmente protetti quali l´ambiente e la salute della popolazione…la manifestazione trova apprezzabili e giustificati presupposti nella situazione di grave rischio ambientale dichiarata da tempo per il territorio di Brindisi».

Qui la notizia data da Greenpeace (in inglese)

4 commenti

  1. Aldo 7 aprile 2008

    Certo che è grave srotolare uno striscione…
    Ho visto gente morire per molto meno…

  2. upuaut 8 aprile 2008

    Una notizia buona ogni tanto non fa male, eh…

  3. ilGab 8 aprile 2008

    Da ignorante mi chiedo: ma il TAR, adesso che ha assolto questi “criminali”, sta lavorando anche per risolvere quella che lui stesso definisce “situazione di grave rischio ambientale”?

  4. minobueno 8 aprile 2008

    sono contentissimo minobueno uno di voi

Commenti chiusi.

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi