Press "Enter" to skip to content

Mese: novembre 2007

Litania

Ripeti con lui:

Il Vicepresidente Franco Frattini propone di raccogliere i dati sensibili di tutti i passeggeri che entrano e escono in aereo dall’Europa, al fine di combattere il terrorismo.

Il Vicepresidente Franco Frattini propone di raccogliere il DNA di tutti in Europa, al fine di combattere il terrorismo.

Il Vicepresidente Franco Frattini propone di raccogliere i dati dei provider di tutti i utenti internet che entrano e escono dal web, al fine di combattere il terrorismo.

Il Vicepresidente Franco Frattini propone di raccogliere le impronte digitali di tutti che entrano e escono dall’Europa, al fine di combattere il terrorismo.

Il Vicepresidente Franco Frattini propone di intercettare le tefonate di tutti in Europa, al fine di combattere il terrorismo.

Il Vicepresidente Franco Frattini propone di raccogliere tutti i dati sensibili di tutti, al fine di combattere il terrorismo.

Nota bene: In Inghilterra hanno già collezionati il profilo del DNA di circa 3,8 milioni di persone, tra cui quelli di 150’000 ragazzi sotto 16 anni né indagati né niente. Un sogno per Frattini e Schäuble, un incubo per il diritto. E non dire che hai nulla da nascondere, senno il contadino vuole sapere se oggi hai cambiato le mutande o no.

2 commenti

Benvenuto nel mondo

puledropuledro

Da ieri in Italia c’è un somaro di più!

15 commenti

Contro l’isteria CO2

Nel suo piccolo il contadino la pensa uguale da un bel po’ e quindi sottoscrive il discorso di John R. Christy – uno fra le migliaia di scienziati che hanno partecipato all’IPCC – scritto giovedì scorso sul Wall Street Journal:

“Madre Natura opera ad un livello di complessità che, per il momento, va oltre le possibilità di comprensione dei comuni mortali (come gli scienziati)”

Per lo studioso dell’Università dell’Alabama, i climatologi odierni hanno perso una dote fondamentale per ogni scienziato: l’umiltà. Invece di parlare ricordando i limiti della scienza, i climatologi di oggi si pongono come se avessero la verità in tasca e saltano subito alle conclusioni.

“La mia esperienza come insegnante missionario in Africa mi ha aperto gli occhi a questo semplice fatto: senza accesso all’energia, la vita può essere brutale e corta. L’impatto incerto del riscaldamento globale in un distante futuro deve essere confrontato con i disastri che abbiamo davanti oggi. Il Copenhagen Consensus del 2004 di Bjorn Lomborg, un’analisi costi benefici delle questioni sanitarie operata da economisti di chiara fama (inclusi tre premi Nobel), ha calcolato che spendere in sanità per cose come i micronutrienti per i bambini, l’HIV/AIDS e la purificazione dell’acqua porta benefici da 50 a 200 volte maggiori di quelli diretti a cercare di limitare marginalmente il “riscaldamento globale”. Data l’incertezza scientifica e la nostra relativa impotenza riguardo al cambiamento climatico, l’imperativo morale qui mi sembra chiaro.”

Forse anche qui la verità sta nel mezzo: Siamo responsabile del cambiamento climatico in atto, ma le misure che stiamo per prendere peggiorano forse solo la situazione (esempio biodiesel) e guardando solo il CO2 perdiamo d’occhio altre cose. Per esempio: Una grande opera come la diga delle Tre Gole in Cina non produce CO2 ma cambia tutto la distribuzione dell’acqua sul pianeta. Effetto climatico garantito.

3 commenti

Android

Nome brutto ma sistema bello e libero:

Considerato che, come nota News.com, ci sono nel mondo un miliardo di telefonini, se l’idea di Google prende piede, Linux potrebbe diventare di colpo il sistema operativo più diffuso del pianeta […]

No, zio Bill non c’è. E non c’è neanche zio Steve. Troppo presi a giocare nei loro giardini cintati, immagino.

aggiornamento: Una descrizione esauriente per qui vuole sapere tutto.

1 commento

Outfarming, cash crop and scale-up

Si smette mai di imparare anglicismi:

Vi porto l’esempio di un progetto che stiamo portando avanti in Senegal. Lo sponsor iniziale è un illuminato privato del Nord-Est che ha deciso di dare avvio con il nostro supporto ad una cooperativa per la coltivazione della Jatropha. Il modello impiegato è fortemente incentrato su pratiche di outfarming e prevede l’utilizzo di intercropping con ortaggi e altri cash crops. I prodotti della coltivazione della Jatropha sono: un fertilizzante organico che viene riutilizzato nelle pratiche agronomiche e l’olio di Jatropha. Quest’ultimo verrà utilizzato localmente per la produzione di energia poichè il Senegal sta attraversando un periodo di shortage nella fornitura di energia elettrica. Se il modello avrà successo, si potrà pensare ad uno scale-up del progetto che preveda la produzione di biodiesel per il mercato locale. Come infatti saprete il Senegal non possiede risorse petrolifere.

A parte il newspeek e giustissimo la conclusione che bisogna vedere sempre il caso concreto; ci piacciono sempre troppo le generalizzazioni. Il biodiesel è il diavolo o il biodiesel è la nostra salvezza – la verità sta nel mezzo.
Articolo su Aspo Italia

1 commento

Ballare il mondo

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Bisogna essere fermi e lasciarsi andare, nella vita.

1 commento

Ci sono le stagioni invece

rossobosco.jpg

Bisogna frenare un po’ i luoghi comuni e fare anche un dementi deciso: il rosso dei boschi esiste.

Un altra prova e qui.

2 commenti

Peccato

…che in Italia i politici non si possono dimettere (il contadino crede veramente che ci sia un articolo nella costituzione che lo vieta; sa, la gente di campagna…), senno sarebbe forse il turno del giornalista-blogger-ministro.

Commenti chiusi

Acqua, troppa

L’inondazione quotidiana oggi tocca al Messico:

Piogge torrenziali e inondazioni senza precedenti stanno sconvolgendo il Messico meridionale, in particolare il Chiapas e soprattutto lo Stato di Tabasco. Qui mezzo milione di abitanti è rimasto senza tetto, le città sono sommerse da una massa d’acqua che in alcuni casi arriva a coprire gli alberi e i tetti delle case. Gli abitanti cercano di mettersi in salvo nuotando nella melma. Il 70 per cento del territorio è allagato, la quasi totalità della produzione agricola è distrutta

[stasera il contadino cercherà cosa aveva detto Ecevit sulle inondazione, forze vitali e le ingustizie sociale-economiche]

aggiornamento: Il contadino non ha trovato il riferimento per ora, ma all’incirca questo spirito dell’acqua diceva che le inondazioni avvengano se in una zona regna un sistema socialmente ingiusto per più di sette anni; nel caso parlava delle alluvioni dell’Elbe nella Ex-Germania dell’est del 2002. Le forze vitali del posto così vengano indebolite è la acqua che e vita deve riequilibrare. Una spiegazione da essere elementare del vecchio credo che “Dio ci punisce per i nostri peccati con disastri.”

La situazione pare pazzesca:

Il ricco stato petrolifero, grande quanto il Belgio, e’ per l’80 per cento sotto il livello dell’acqua, e si prevede che nei prossimi giorni Noel, che viaggia a 30 chilometri l’ora, perdera’ definitivamente lo status di tempesta tropicale per scalare i gradi della scala degli uragani. Villahermosa, la capitale del Tabasco, e’ ormai praticamente coperta dall’acqua e nel caos totale per la mancanza di cibo, acqua potabile, gas, medicinali e servizi ospedalieri

1 commento

L’eta della mente

Visto che il pubblico qui apprezza molto gli test (ciao pubblico, come va?), test sofisticatissimi ad algoritmi scientificamente inventate, test dove puoi rispondere a domandine create per te (Quanti sms scrivi al giorno? – Non ho il cellulare): Ecco, vai e scopri la tua eta mentale.

(e sì, la mente del contadino è più vecchio di lui stesso di 8 anni : Hai una mente abbastanza anziana, tipica di una persona che ha vissuto abbastanza a lungo per poter comprendere ed apprezzare le cose più piccole.

[via Davide Bocci]

8 commenti

Perdità di capelli?

Questo blog sì crede sempre anche di essere uno di servizio. Ti cascano i capelli, trovi il lavandino pieno di quei preziosi cosi lunghi? Eccoti il rimedio che ti aiuterà al 100%! E gratis pure, di facile applicazione, inodore e non ha effetti collaterali! E’ passata la figlia del contadino un minuto fa e chiedeva se aveva notata tutta questa pubblicità in giro per i prodotti contro la caduta dei capelli. Diceva che è normale che ora di autunno cascano i peli vecchi e che si chiamerebbe il tempo delle castagne. Accontentati.

6 commenti

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi