Press "Enter" to skip to content

RaiTV sulla lotta contadina in Sardegna

Del fallimento del sistema il contadino aveva parlato brevemente già qui, e se ne parla di più su Greenplanet

Per chi soffre di banda larga ecco un link al servizio della Rai di ieri. Gianni Fabbris nalla mailing list di altragricoltura:

P.s.: quando la Rai ha mandato in onda il servizio, la sala del Comune di Decimoputzu era piena. C’erano due presidenti di provincia e numerosi sindaci in riunione con i contadini in lotta. Hanno visto il servizio su un televisore montato nella sala. La sensazione dei contadini, ma anche di quei rappresentanti delle istituzioni, è stata unanime: si sono sentiti meno soli, meno abbandonati a vivere il dramma dei debiti nella vergogna e l’isolamento. Forse incomincia a passare l’idea che loro i debiti non li hanno fatti perché sono incapaci di gestire l’azienda ma, se fallimento è, è di un intero sistema e, dunque, può e deve essere affrontato per il grande problema sociale che è.

6 commenti

  1. CaloRE 11 ottobre 2007

    Una situazione “grottesca” dove stiamo perdendo ogni diritto al futuro!!!

  2. steocampi 11 ottobre 2007

    forse ti è sfuggito questo
    🙂
    MINACCE DI MORTE A RICCARDO PIRAS!
    http://www.soccorsocontadino.eu

    CE L’HANNO CON TUTTI NOI MA NON RIUSCIRANNO A FERMARCI

    Oggi pomeriggio è arrivata a casa di Riccardo Piras, dell’esecutivo nazionale di Altragricoltura, coordinatore regionale sardo e portavoce del Comitato di lotta dei contadini e pastori sardi esecutati, una lettera anonima scritta con un pennarello dal contenuto inequivocabile; il disegno di una bara e una scritta: ti spareremo a fucilate nella schiena e ti faremo saltare l’azienda con le bombe.

  3. ste 11 ottobre 2007

    Grazie per il completamento, stamattina avevo un po’ furia.

  4. antonia cesareo 12 ottobre 2007

    mAmma di gennaro

  5. antonia cesareo 12 ottobre 2007

    BEL SITO COMPLIMENTI

  6. CaloRE 17 ottobre 2007

    Il link al video della RAI non funziona più… senza parole!

Commenti chiusi.

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi