Press "Enter" to skip to content

Nobel fuori posto

Così al caldo al contadino sembra che la scelta del comitato di dare il premio Nobel per la pace ad Al Gore poco comprensibile. Un risultato della sua campagna è che siamo quasi entrato in una guerra contro il riscaldamento globale (mentre è diventato pane quotidiano quello contro i terroristi); ora trasformiamo pane e mangime in biodiesel (etanolo) e tagliamo la foresta pluviale per piantare palme da cocco.

Dov’è la pace in tutto questo?

2 commenti

  1. gerardo 13 ottobre 2007

    Devono aver pensato che se il Nobel per la guerra era andato a Bush, quello per la pace doveva andare a Gore. Più seriamente, gli Stati Uniti restano un ancora modello di vita per molti, soprattutto nei paesi emergenti e perciò quello che succede lì, ha poi forti ripercussioni culturali. Defunte le ideologie, oggi le guerre sono apertamente economiche e solo una visione globale, ecologica e ambientalista può rendere meno aspri gli scontri per appropriarsi delle risorse residue.

  2. Geppetto 19 ottobre 2007

    ???

Commenti chiusi.

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi