Voglia di Linux

avventure e soddisfazioni usando software libero

Aggiornare Linux senza danni

closeQuesto articolo è stato pubblicato 10 anni 10 mesi 5 giorni giorni fa quindi alcuni contenuti o informazioni presenti in esso potrebbero non essere più validi. Questo sito non è responsabile per eventuali errori causati da questo problema.

Come ogni mezz’anno il forum di Ubuntu è pieno di topic di gente che ha aggiornato il sistema all’ultima versione (Hardy Heron) e hanno perso il funzionamento del wireless, l’ibernazione, l’audio o altre cosette. L’unico metodo è di avere delle partizioni separati per i sistemi: Una su quale c’è quello che va, un altra per provare quello nuovo. Le partizioni primarie possono essere così:

sda1 8 Gb sistema uno
sda2 8 Gb sistema due
sda 3 swap 2 volte la Ram o 1,5 Gb
sda 4 il resto del disco montato su /home

All’installazione si sceglie “partizionamento manuale” e si assegna sda a /home senza formattare mentre il sistema / si installa in uno delle due partizioni. Si sceglie lo stesso nome per l’utente e il gioco è fatto: all’avvio si sceglie quale sistema caricare.

Se si vuole più partizioni si possono anche creare delle partizioni logiche/estese:

sda1 5Gb
sda2 5 Gb
sda3 swap
sda4: estesa
sda5: 1-5 Gb tmp (5 gb solo se si copiano spesso DVD) condivisa tra i sistemi su sda1 e 2
sda 6 ecc

Linux può avere anche essere del tutto su partizioni estesi, compreso swap.

ste

20 maggio 2008



Leave a Reply

Continuando navigare nel sito accetti l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina sulla privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Chiudi