Press "Enter" to skip to content

Categoria: mondo spirituale

07 07 07

Ecco, oggi è il giorno del sette.
E per aggiungere qualcosa di esotorico: Sette sono pure le epoche culturali (un altro ciclo di sette all’interno di un’altro ancora di sempre sette: le incarnazioni della terra):

India antica – Persia – Egitto/Caldea – Greca-romana – anglosassone tedesca – iraniana/russa – americana.

PS: Del numero sette ne parla anche Bertani qui.

Commenti chiusi

Un fenomeno

E’ un po’ che non si segnala un cerchio nel grano nuovo (anche se è difficile di parlare di un cerchio in questo caso).

Commenti chiusi

Sviluppo naturale

Cerchio nel grano

Il bello dei cerchi nel grano è lo sviluppo del “linguaggio”; ogni anni arrivano nuovi elementi stupendi.

2 commenti

Crop circles

abbots-down-l2-stev.jpg
Interrompiamo un attimo il silenzio meditativo per segnalare all’utenza questi due cerchi spettacolari qui e qua.

3 commenti

E un altro…

cerchio nel grano che piace al contadino. Gli aggiornamenti si trovano qui.

Commenti chiusi

….e tre

crop3.jpg

5 commenti

Religioni alternativi

Oggi alla radio c’era la pubblicità delle Chiese valdesi. Dicevano ad alta voce che li usano anche per profilattici contro l’Aids nel terzo mondo.

6 commenti

E due

crop254.jpg

1 commento

Cerchi inglesi

Partono per bene nel orzo.

Commenti chiusi

I sassi del Valle della Morte

sailing_stones_35
Già, i sassi che si muovano nel Death Valley. Per dire la verità fino una settimana fa il contadino non sapeva neanche della loro esistenza. Ma è successo che ha ordinato il settimo quaderno di Flensburg con le interviste agli spiriti della natura (i primi due sono tradotti in italiano), questo libro è anche arrivato velocemente e contiene molti spunti ulteriori, per esempio che molti bambini ora cominciano di percepire il mondo eterico e gli adulti circostanti spessi non sono in grado di offrire loro i relativi concetti. E quindi se ne occupano un po’ gli spiriti della casa sotto la guida di Mueller. E spesso questi sono i bambini così detti “disadatti” alla scuola.

Ma torniamo ai sassi, un centinaio, si muovano da almeno cent’anni, nessuno l’ha mia visto in diretta e gli scienziati non sanno perché e magari credono che combinazioni di ghiaccio, vento o addirittura muschio siano le cause, senza convinzione. Sulla domanda di W. Weihrauch risponde lo spirito elementare della terra che

…in questa zona le volontà di due grandi spiriti della prima gerarchia s’incontrano e in quel punto del incontro nasce nuova materia in forma di sabbia, in un certo senso la materia più viva tra le materie. Sono la placca nordamericana e quella pacifica, e la tettonica delle placche viene gestita da queste entità e la falda di San Andrea si trova lì vicino geologicamente. Questi entità muovono la sabbia ma muovono anche i sassi. Per questo abbiamo delle vere processioni di queste pietre e questi imprimono una forme sinusoidale nel terreno perché esprimo la vita, esprimano la forza vitale di questi esseri della prima gerarchia (gli elohim, ndr).

Dicono anche che i nostri scienziati tutto questo mica lo crederanno, al massimo potrebbero arrivare a credere che il movimento delle placche sarà la causa del movimento dei sassi.

E la terra americana si muoverà ancora di brutto in futuro – futuro inteso con la concezione del tempo loro, quindi non dopodomani.

4 commenti

Sassi in cammino

Nel prossimo post uno dei prossimo post si spiega come questi sassi nel Death Valley fanno a muoversi.

(Vecchio trucco editoriale)

1 commento

Cerchi italiani

La stagione delle cerchi nel grano comincia in Italia (e le polemiche pure, tra ufologisti e cicapisti). E sì, bisogna distinguere. Ma il solo fatto che qualche circle maker ha dimostrato di poter fare delle meraviglie non prova mica che tutti sono di origine umana, almeno non secondo la logica aristotelica.

Il Protocollo per indagini sul campo “Crop Circles” versione 2007 è un manuale in 3 livelli di analisi per la ricerca sul campo e le verifiche di laboratorio. I tre livelli di analisi sono stati introdotti, rispetto alla versione precedente, per poter ottenere dei risultati sia con un’attrezzatura minima che con una maggiore disponibilità di tempo e di risorse. Il Livello 1, quindi, può essere definito un “test rapido”. La verifica dell’allungamento del “nodo apicale”, dell’espulsione dei nodi 2 e 3 e della presenza di magnetite ed ematite, in quantità significative, possono già indicare la presenza di anomalie. La ricerca, quindi, potrebbe terminare già a questo livello.

Tra i vari modelli di spiegazione il più convincente pare questo qui sotto, e i primi scineziati che parlavano di microventi non erano lontano forse. Nel secondo e quarto volume dei Colloqui con gli spiriti elementari ci sono domande dei lettori (tra qui pure una del sottoscritto…) e le risposte degli vari esseri elementari e naturali.

Domanda: Come nascono i cerchi nel grano esattamente? Cosa succede nelle piante? Abbiamo analizzato un campo con un cerchio in Inghilterra e abbiamo visto, che è solo il primo nodo che è alterato e fa crescere la pianta orizzontalmente […]

Ecevit: Esistono cerchi del grano che sono stati fatti senza l’aiuto di mezzi tecnici, tramite le danze degli spiriti dell’aria. Esistono anche cerchi nati per la voglia di far spettacolo di alcuni uomini, i quali usano dei mezzi tecnici che tu puoi immaginarti.
I cerchi che avete studiati sono del primo tipo. Gli spiriti dell’aria scrivono le loro figure euritmiche nei campi. Non montano su piante e così questi cambiano la direzione della crescità. Così come si può interpretare una figura euritmica così si può farlo anche con queste forme. L’angelo dei venti gli abozza.

Il mondo eterico si sta densificando per causa del ritorno del Cristo. Per questo per i spiriti della natura aumentano le possibilità di intervento nella materia crescente. Se imparate a leggerle, imparate molto sulla luce. Il grano è una pianta speciale!

4 commenti

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi