Press "Enter" to skip to content

Categoria: cultura e arte

Nudo salviamo il pianeta

Per arrivare in prima pagina ci sono due metodi: o nudo o violento. Il fotografo Spencer Tunick ha distribuito 600 volontari nudi sabato scorso sul ghiaccio dell’Aletsch in Svizzera in collaborazione con Greenpeace. L’idea sarebbe di sensibilizzare la gente per il riscaldamento globale ma puzza di più di un egotrip del artista che sfrutta l’idea dei nudi di massa da ben15 anni.

Se poi sul sito di Greenpeace si deve leggere che abbiamo esattamente 8 anni per scongiurare il pericolo viene da ridere.

Eight years to act

According to the Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) the world only has eight years remaining to take the urgent action needed to curb catastrophic climate change. Without swift action, the damage could become irreversible. Never before has humanity been forced to grapple with such an immense environmental crisis.

Una affermazione così è semplicemente demagogica e con scienza non ha da fare niente. Invece di rincorrere il fantasma di fermare il cambiamento climatico sovvenzionando biodiesel e altre stupidaggini bisogna prepararci di affrontarlo, viene come viene. In primo re-instaurando una agricoltura biologica locale di circuiti chiusi e corti.

1 commento

documenta XII

Dimmi quale arte t’ispira e ti dico chi sei. La seconda tappa delle vacanze vede il contadino alla documenta 12 a Kassel (uno dei suoi primi viaggi in Germania, e pure ha un buon 60% di DNA tedesco). Sul viaggio c’è da dire che
a) la Germania sembra grande
b) si vedono un sacco di eliche e pannelli fotovoltaici in giro
c) In cinque ore di viaggio in un ICE pieno zeppo squilla una (1) volta un cellulare. E diventa difficile guardare la campagna dal treno a 220km/h che viaggia spesso in una specie di canale.
d) i laghi e fiumi hanno il colore sbagliato, sul bruno.

Su Kassel c’è da dire che è piccola e simpatica e questa vista con la strada diritta è singolare. Sulla mostra c’è da dire…

1 commento

Prendi all my bytes, babe

Oggi ho generato una poesia che parla della vita sul server e vorrei condividerla con voi umani, eccola:

0001100000 0111 1111001001 000 1000 10101011
110 00111001110 11000 001100 10100011101100 00010 001110
001001 101 110010010 11100100011 100 1100 1000 0100 110011
0001111110 100 1000 01111100 1001 001 001000 1 110100 110

111101 1001 11100 101111001 100011110010 001010001 0010 1
1010 00011110 1001 000100100010111 11101 001100 111001 001
0010 011101 0110 101110 10001 11110 1001 10001 00001110 111
110 1001 001001 0010001 110 10001 11111110 1001 10001 00101

111 11111 0000001 10 1001 00100 10000111110 1001011 110100
110000 00 1000 1 01 10010 10001 1111110 01 000001 001 0010 1

Gli utenti windows possano scaricarla ed eseguirla, sarà una esperienza indimenticabile.

2 commenti

I dolori del giovane scrittore

Un autore inglese di qui opera fu respinto dalle case editrice faceva un bel esperimento, mandandole tre famosi libri di Jane Austen che hanno vendute milioni di copie, una alla volta. Dalle 18 case editrici contattati una sola riconosceva il libro.

Pubblicare non la voleva nessuna.

[via Zeitgeistaustreibung]

1 commento

La suonata del uomo bono

Le vite degli altri è un gran film, l’oscar se lo merita proprio e pensare che ormai sono cose del passato (e dei paesi sotto dittature) quest’atteggiamento statale di spiare tutto e ormai le parole “Grande fratello” fanno venire in mente ragazzi seminudi e strafottenti stravaccati su divani a discutere di nulla per giornate intere come fa notareDeserteur è sbagliatissimo. La tecnica ha fatto progressi enormi e non c’è più bisogno di un esercito di 100’000 professionisti per sorvegliare una nazione intera. E il terrorismo fornisce ai potenti un ottima scusa per collezionare un po’ tutto, non si sa mai. Nel nome della sicurezza si può fare troppo, decisamente.

1 commento

Live Earth secondo il contadino

Concerti gratis in migliaia di posti piccoli sparsi su tutto il pianeta dove i musicisti suonano unplugged* e la gente ci arriva a piedi o in bici. E al massimo un collegamento radiofonico. Altro che [tag]Live Earth[/tag]…

*) senza l’uso di amplificatori

7 commenti

Grazie

Di Domenica pomeriggio il contadino si da all’attività culturale in forma di musica, preferibilmente dal vivo senza alcun pagamento di diritti d’autore e pure senza l’uso di qualsiasi forma di elettricità (escluso le lampada per illuminare gli spartiti) il che fa molto bene per salvare il clima. Basta una chiesa come amplificatore, ORTensemble (che era particolarmente in forma, si divertiva moltissimo a suonare e incassava una marea di applausi) più questi strumenti vecchi in legno con le budelle tese sopra.

Daniele Giorgi, Chiara Morandi, violini
musica: J.S. BACH Concerto per due violini, archi e basso continuo BWV 1043 (bellissimo!); MENDELSSOHN Sinfonia n. 10, per archi ; ELGAR Serenata per archi op. 20; ROTA Concerto per archi

PS: Pure la settimana scorsa il concerto era bellissimo: arpa con flauto e due musicisti che ridevano pure loro.

4 commenti

Quando c’era la musica ancora

E’ cominciato il tour dei Police. Qui un assaggino.

7 commenti

Uomini spazzatura

Se il contadino fosse a Roma, una visita qui lo farebbe.

TRASH PEOPLE
Roma, Piazza del Popolo
21-29 marzo 2007

4 commenti

Emozioni

Come sappiamo ci sono due tipi di blog: quelli di qualità e quell’altri. Una condizione sine qua non per gestire un blog di qualità è possedere uno o più gatti per poter parlarne di primo mano, condividere le emozioni che ci regalano i felini o addirittura postare delle fotine. Perché la gente oggi vuole sentire emozioni e quelli devono essere forti, sempre di più, la gente ne pare quasi drogato, ci sono interi imperi televisivi basati solo su questo fatto. Pensieri sono solo pallosi, gli emozioni sono quello che tira (il contadino è un tipo molto emotivo come ormai tutti sanno; per esempio quando ha sentito questo alla radio gli sono venuti i brividi e il giorno dopo s’è comprato subito il CD.

gattino
Dunque, il fatto è che ieri è tornato il trattore dal dottore con un motore rifatto, stamattina c’era la brinata abbastanza forte in valle che c’entra nulla ma va detto lo stesso e che il contadino oggi ha scavato tutto il letame dalla stalla con un mese di ritardo, quasi copriva le mangiatoie. Una era anche da portare fuori e il wwoofer (Californiano, maschio, attivista e gran lavoratore) ha trovato sotto un gattino di due settimane che non si sapeva neanche che Lolita aveva figliata.

Commenti chiusi

Grillo santo subito?

Meglio di no. Il contadino è d’accordo con A. Ronchi.

2 commenti

Né pesce né carne

Dimmi, hai dei glocal frenemies?

1 commento

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi