Press "Enter" to skip to content

Così può andare, anzi

31_05_10_32_0002

31_05_10_26_0001

9 Commenti

  1. kermitilrospo 31 maggio 2020

    anche il mio unico ulivo in giardino ha tantissime di quelle gemme quest’anno. Mi fa piacere che sia un buon segno, magari mangio anch’io qualche oliva :DD

  2. Giancarlo 31 maggio 2020

    Anche negli Iblei gli ulivi si presentono bene, speriamo;

  3. fabio 3 giugno 2020

    Erano anni che non vedevo una carica come quest’anno…anzi forse mai vista…zona colline pisane…ma la strada e’ ancora lunga..

  4. ste 3 giugno 2020

    Veramente qui anche due anni fa era così, quello che mi rompe un po’ è quest’alternanza estrema: una marea d’olio, nulla, una marea… non so che farci. Anno scorso potavo energicamente perché erano sfinite i rami, ora una schiarita appena, senza usare quasi il seghetto. Poi sarà così anno prossimo probabilmente, da potare drasticamente, pochi fiori, e via. Si consuma l’olio del 2018 per vendere quello del 2019, e quasi quasi è anche meglio quello vecchio.

  5. fabio 5 giugno 2020

    Probabilmente per ridurre le alternanze dobbiamo intervenire con le concimazioni…abbondante letame,se vogliamo evitare roba chimica, ogni anno specialmente quando si pensa che sia annata di carica.Come sai quando sono cariche produrranno meno vegetazione per l’anno successivo

  6. ste 5 giugno 2020

    Avendolo, il letame in abbondanza, concimo forse un terzo delle piante ogni anno con quello che ho, dando di più dov’è la terra è più magra.

  7. fabio 5 giugno 2020

    Hai ragione Ste avere buon letame e’ difficile e un conto e’ darlo a 80 piante come le mie e un’altro a qualche centinaia…comunque ne compro un rimorchio a due assi ogni anno per 100 euro…ma che lavoro! ricaricato sul mio rimorchio a mano e distribuito alle piante sempre con la forca e poi interrato….Poi c’e’ anche l’erba e le potature trinciate che qualcosa fanno..

  8. ste 6 giugno 2020

    Anche l’acqua fa una sua parte, nel orto a casa ci sono 4 piante, che fanno da 20 a 50 kg, mangiano il letame insieme alle patate e neanche tanto, ma quando fino estate ci sono insalate, finocchi ecc che vengono annaffiati.
    E tanto che volevo scrivere qualcosa sulla gestione della terra, che qui ha cambiato molto, dalle lavorazioni meccaniche 3 volte l’anno alla trinciatura. In sintesi trincio presto, alcune già due volte, e ho quasi dappertutto da anni un tappeto di trifoglio rosso e altre piante a fiore, mentre l’erba comune (a spiga) è quasi sparita.

  9. fabio 7 giugno 2020

    Hai fatto bene Ste! Ho lasciato le lavorazioni molti anni fa,fresa e estirpatore, in collina ad ogni temporale perdevo terreno e l’acqua ruscellava facendo franare gli argini dei terrazzamenti..ora trincia e decespugliatore.Vero, negli anni le annuali sono sostituite dalle perenni

Rispondi a kermitilrospo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi