Press "Enter" to skip to content

Mese: settembre 2007

Lettera aperta a Steve

Caro Steve,

ti scrivo solo per dirti che in Italia tutti hanno già uno o due o tre telefonini e che è inutile di provare a vendere il tuo ultimo gadget qui anche se sei riuscito benissimo (come sempre) di far fare tutta la pubblicità ai Blogger e Giornali aggratis e anche se la TIM ti fa compagnia nel affare. Sai, viviamo un tempo un ‘po difficile, con tutta ‘sta energia che sta per finire, il clima del pianeta in cambiamento e l’aria già strapiena di onde, forse semplicemente non è il momento giusto per scaldare i consumi.

Comunque visto che gli hai già fatti fare ai cinesi non buttarli, tienili in magazzino: sono sicuro che la gente te la comprano pian piano quando quelli che usano ora si sono rotti definitamente.

Rimango con saluti distinti,

il contadino ste

Commenti chiusi

Il risultato

…del test. Ovvio.

quello che tira

Commenti chiusi

Per gli amici del giallo

Dato il contesto attuale si segnala volentieri la storia di Estermann, Comandante del corpo delle Guardie Svizzere per ore nove, morto nel Vaticano anni fa.

1 commento

La partenza dei gruccioni

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Ieri si sono riuniti e oggi piove con il fieno per terra. Si prega di scusare la qualità scadente del filmino.

Commenti chiusi

Chi è senza peccato…

Che i pesticidi sono sostanze un po’ difficile si capisce subito se si sa che originano dai gas nervini. Una volta finita la guerra qualcosa bisognava pure far con i veleni sviluppati come armi: diserbanti, insetticidi e fungicidi per uso domestico ed agricolo. Secondo Francesco Panella, presidente dell’Unaapi (Unione nazionale associazione apicoltori italiani) c’era una strage di ape questa primavera per colpa della concia del seme di mais.

Ed ecco la dinamica della strage, così come la ricostruisce Panella. Il mais, insieme al grano, sta diventando sempre più redditizio, e dunque per i contadini che praticano l’agricoltura convenzionale “è diventato conveniente cercare di ottenere rese maggiori conciando le sementi con i neo nicotinoidi, che sono principi attivi neurotossici. Quest’anno fino a giugno c’è stata una siccità inusuale, e le seminatrici pneumatiche hanno sollevato e sparso la polvere contaminata con cui sono stati conciati i semi. Sempre per la siccità, le api si sono abbeverate con la rugiada, a sua volta contaminata dalla polvere”. E sono morte.

Se è vero (e qui qualche perplessità c’è, per esempio che nessun contadino concia il seme da sé, se la comprano belle pronto dalla Monsanto e compagni; su campi nudi di terra non c’è mai una sola goccia di guazza, quella la prendono sull’erba e sarebbe interessante da sapere se la concia ha cambiata rispetto agli anni precedenti) è grave sì. Ma gli apicoltori sono uguali ai coltivatori: costretti dal sistema a produrre sempre rese maggiori per campare usa(va)no veleni a tutto spiano anche loro (Anni di lotta alla varroa hanno accumulato nei fogli cerei residui di amitraz, fluvalinate e coumaphos: sono le molecole dei principali prodotti utilizzati, che oltretutto essendo alcuni liposolubili si trovano anche bene nella cera e possono persistere per anni), basta chiedere ai apicoltori convenzionali cosa spruzzano dentro le casette contro la varroa per esempio e quanti antibiotici pure.

Quindi piano con le accuse per favore. Se da una parte i campi sono pieno di veleni dall’altra parte le api sono molto indebolite anche loro dai loro allevatori. Steiner disse cento anni fa se gli apicoltori continuerebbe così con la selezione (incrociando le api con regine asiatiche per esempio) tra cent’anni non ci sarebbero più ape.

Se si vuole un colpevole ii tutti modi: è l’idea fatale umana di crescita quantitiva. Sempre di più, sempre più veloce senza avere una vista dell’insieme, delle connessioni.

3 commenti

See you later

Potter

It’s three long and wunderful days that the contadino has been following Harry and Co, travelling and tracking down horcruxes, if you know what I mean. This seven books are among the best things happened the last ten years.

5 commenti

Monetizzazzione

(ANSA) – CITTA’ DEL VATICANO, 29 Nov 2012 – Il segretario della Santa Sede ha reso noto il tariffario in vigore per l’anno prossimo. Il prezzo del matrimonio eterosessuale rimarrà invariato a quota € 3500 mentre sale quello del battesimo da €1150 a € 1250, dovuto sopratutto al calo costante delle nascite di bambini di famiglie cattoliche. Un leggere aumento del 15% dovuto allo stesso motivo si annuncia anche per la prima comunione e la cresima che arrivano a €850 e € 950. Invariato i prezzi per la confessione (€ 18,50 cad o abbonamento annuale di € 200,00). Rimarrà ancora gratis l’estrema unzione, su ordine esplicito di Papa Vladimir IX.

Il cardinale Rutelli ricorda che l’introduzione delle tariffe per le prestazioni religiose si era resa necessario per far fronte alle spese per l’ICI per gli immobili, introdotte nel 2008.

3 commenti

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi