Voglia di Linux

avventure e soddisfazioni usando software libero

Backup in automatico

closeQuesto articolo è stato pubblicato 16 anni 4 mesi 8 giorni giorni fa quindi alcuni contenuti o informazioni presenti in esso potrebbero non essere più validi. Questo sito non è responsabile per eventuali errori causati da questo problema.

Sto provando due programmi per fare dei backup, Kdar e Keep. Il primo molto pi dotato, ma ci vuole un po’ per capire come funziona. Al’avvio chiede il passwort di root. Cliccando sul icona “Generi” si avvia un wizard, si sceglie la cartella dalla quale fare il backup (preferibilmente la /home/nomemio che contiene tutti i file e tutte le impostazioni -se poi funziona il ricopiamento delle impostazioni da vedere) e il posto dove salvare il file compresso .dar generato. Per questo uso un disco esterno USB da 60 Gb. Si pu salvare il profilo per ogni singolo backup per non compilare sempre di nuovo il tutto, e per automatizzare il processo permette pure di generare uno script per la shell (avendo installato Dar, il backuptool da linea di comando) che si pu fare eseguire dal demone Cron ad intervalli definiti, copiandolo in /etc/cron.daily per esempio. E anche possibile di fare splitting, cio dividere il file di backup in segmenti di 700 kb per poterlo masterizzare su CD e si possono escludere cartelle e file, per esempio .local/ che non vuoi lica fare il backup del cestino. Scrive un Gb in 17 minuti. Per cancellare un file di backup sul disco esterno molto meglio “elimina” (shift+canc) che non ci mette ore a spostarlo nel cestino. Per fare il backup di foto e file mp3 conviene di non compressarli che non serve a niente: aumenta notevole la velocit (3 gb in 12 min); esiste un filtro che permette di escludere dalla compressione gli .mp3, .ogg, .jgp, .png e . cos via.

(schermata)

Keep invece molto pi semplice (schermata), ha il demone incluso, cio ti fa un backup ogni tre giorni e li conserva per 60 (di default). Ma ha un difetto grosso grosso: non riesce in alcuno modo di scrivere su penne USB o harddisk esterni pare, che ne limita il valore un bel po’. Ma per fare in autmatica una copia locale della cartella “documenti” per esempio una volta al giorno adatto. Per salvare il file vuole una cartella nuova di zecca senno si lamenta.

rpm per Suse di Kdar e per Keep. Ma si trovano entrambi anche con la funziona “cerca” di YaSt, cercando per “backup”.

aggiornamento: Appena finito di giocare con questi applicazioni in modalit grafica pieni di bottoni e dialoghi devo scoprire questo. Che con una riga di comando semplice semplice come questa
rsync -av --exclude=cartelladaescludere (qui: .local) --delete --stats /home/username /media/nomedeldiscoesterno
si genera una copia con softlinks ecc. della home. In un quarto d’ora trasferiti 8 gb. Abituato troppo male da Windows e GUI: Niente paura del terminale.

ste

28 luglio 2006



Leave a Reply

Continuando navigare nel sito accetti l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina sulla privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Chiudi