Vogliaditerra

pensieri agricoli

Archivio della categoria 'politica e società' Category

9 aprile 2017

Già, i fake news

Ormai non si hanno più certezze oggi, ma peggio dei “fake news” sono probabilmente i “fake facts”, esempio clamoroso le famosi armi di distruzioni di massa mai esisti in Iraq ma l’effetto che hanno fatto è devastante fino oggi.

Probabilmente un gran parte della opinione pubblica è convintissimo che Assad abbia già usato gas nervini nel 2013.
Ma è da qualche anno che viene raccontata anche un altra storia: i servizi segreti turchi avrebbero forniti le sostanze base e know-how al fronte al-Nusra, filiale di al-Qaida in Siria, con l’obiettivo di tirare dentro i USA per togliere di mezzo Assad. Ci fu un indagine dopo una conferenza stampa tenuta da un deputato dell’opposizione turca, Erdem, nellla quale diceva di avere prove, intecettazione telefoniche e altro, 13 arrestati, dopo una settimana spostato l’indagine, tutti liberati e fuggiti in Siria, Erdem accusato di alto tradimento, i giornalisti che scrivevano di questa storia in galera o all’estero adesso.

Obama avrebbe avuto informazioni dell’intelligence riservate che puntavano nella stessa direzione e come sappiamo non è intervenuto poi contro Assad, nonostante che la linea rossa da lui definito un anno prima è stata superata.

Purtroppo al contadino sembra che adesso la stessa operazione abbia funzionato. Un Assad che sta vincendo ormai che usa armi chimiche non fa molot senso, altre spiegazioni lo fanno di più.

E l’orribile peso di tutto questo gioco sporco per motivi di potere delle varie parti in campo portano i bambini e civili.

31 marzo 2017

Gli obiettivi dei russi

Dal contadino ridono i polli a sentire queste storie delle influenze russe sulle nostre povere democrazie, prima Trump adesso pure il M5S:

Uno dei cambiamenti rilevanti nelle politiche nel mondo post-sovietico, è il coinvolgimento quasi senza freno di agenti, consulenti e istituzioni pubbliche e private occidentali nella gestione dei processi elettorali nazionali nel mondo intero – compresi gli stati un tempo nell’alleanza sovietica. Quando, dalla fine degli anni ’80, cominciarono a crollare gli apparati del Partito Comunista di quei paesi, dando luogo in modo quasi incruento a emergenti forze politiche, l’Occidente (specialmente gli Stati Uniti) fu rapido ad intromettersi nei loro affari politici ed economici.

Se adesso abbiamo Putin alla guida della russia è un effetto diretto del aiuto massiccio occidentale a Yeltsin anni fa, era impopolare al massimo ma l’abbiamo fatto vincere.

31 gennaio 2017

Prove generali di golpe?

Chi mastica l’inglese e ha 8 minuti e non ha ancora abbastanza di Trump può leggersi l’originale.
Il riassunto in breve:

  • Anche se dice il contrario il ban è contro i moslem, come riferisce Giuliani ex sindaco di NY. “Fai una commissione e dimmi un metodo legale per farlo”.
  • Legali della Homeland security ritenevano illegale il ban e fu ignorato da Trump e Bannon e tutti i dirigenti furono tenuti all’oscuro
  • Le dimissioni alcuni giorni fa dei dirigenti del ministero degli esteri erano una purga ordinata

    Effetto collaterale: in questo momento cruciale l’apparato del ministero non è in grado di agire. Un altro punto: normalmente i dipartimento organizza i contatti con altri leader politici nel mondo mentre adesso questi contatti vengono organizzati direttamente dalla cerchia ristretta con Steve Bannon, Michael Flynn, il genero Jared Kushner e Reince Priebus bypassando il ministero.
  • Durante l’inaugurazione Trump annunciava sua candidatura per il 2020. Questo gli permette di ricevere contributi per la sua campagna già adesso da americani, mentre cittadini stranieri possono sostenerlo usando le sue Hotel ecc.
  • 19,5% della Rosneft, il goiello petrolifero russo sono stati privatizzati sotanzialmente a ignoti. In quel strano dossier non verificato che girava sulle relazioni di Trump e Mosca veniva detto che Putin di Luglio avrebbe offerto 19% di Rosneft a Trump nel caso che diventasse presidente e togliesse le sanzioni
  • .

Una delle conclusioni dell’articolo è che Trump e il suo piccolo cerchio di fidati cercano di provare fino a quale punto la Homeland Security può eseguire ordini presidenziali ignorando completamente altri ministeri e corti.

Sostanzialmente è questo il problema con i poteri speciali instaurati dopo 9/11: se poi viene uno come Trump gli ha pure.

Vedremo gli sviluppi, i golpi oggi si fanno con le Banche e i soldi non sparando nel parlamento ma comprandolo.

26 gennaio 2017

Lavori in corso alla Casa bianca

resist

[da vicino, grazie Greenpeace]

21 gennaio 2017

L’interruttore

buio

[via il blog di axell]
[il peggio è che per un po’ di anni ci si deve subire il personaggi in nelle prime notizie]
[o forse il peggio è che anche in Europa ci sono decisamente troppi che vogliono seguire l’esempio di populismo scervellato]

13 gennaio 2017

Sulla strada buona per diventare alieni

schermata03

Questo non è uno strumento educativo, ma un supporto pericoloso alla visualizzazione immobile di impressioni virtuali, una falsa stimolazione sensoriale e un isolamento da ciò che esiste realmente.

Questa citazione non vale mica solo per i piccolini, va detto. Anche se il contadino è scettico sul peso delle firme virtuali questo lo firma.
Ma occorre di più opporsi attivamente nelle scuola, alle riunioni, ricevimenti, troppi ancora credono che pià la roba sia digitale più sarà utile anche se i danni sono scientificamente dimostrati.

Fotine.

7 dicembre 2016

Solo danni …

…fa questa agricoltura altamente specializzata, il nord fa latte (con le mucche che mangiano più granaglie che erba), il sud cereali e tante altre idee assurde. Stranamente è questa Europa poco amata che adesso mette dei paletti:

L’Olanda rischia di dover tagliare fino a 200mila capi bovini da latte per aver sforato i livelli di fosfati, mentre la Germania è alle prese con una procedura d’infrazione in tema di direttiva nitrati.

L’Olanda potrebbe essere costretta a tagliare tra i 150mila e i 200mila capi bovini da latte, per aver sforato per tre anni consecutivi i livelli di fosfati.
Il rischio che l’Europa possa intervenire per richiamare all’ordine i Paesi Bassi, il quarto paese per volumi lattieri europei, con 10.853.000 tonnellate prodotte nel 2016 nel periodo gennaio-settembre 2016 (+9,87% rispetto allo stesso periodo del 2015, fonte: Clal.it), appare quanto mai concreto.

Non si fa agricoltura per produrre materia da vendere, si coltiva la terra e il paesaggio – l’agricoltura è una attività di cultura e non di lucro e se viene praticato con il mente il lucro ecco cosa ne esce: falde inquinate, sofferenza del bestiame, paesaggi e terre sciupati per l’abbandono o dall’agrotecnologia chimica intensiva.

3 ottobre 2016

Lo show

Pian piano il forum di riempe, lo staff indirizza i giovani davanti a destra al palco (saranno solo loro che si vedranno in primo piano in diretta tivu quando inquadrano il pubblico ma bisognalo dire: i fan ormai sono tutti vecchi, età media 55 anni se non di più), la musica è già a palla e l’animatore scalda la sala, ma ci vuole un ora buona per sistemare i ottomila arrivati, duemila non c’entrano e rimangono fuori a seguire lo show sui megaschermi installati, ce ne sono anche in sala. Sui sedili pronte bandiere e fazzoletti, giallo verde nei colori del marchio. Sono venuti con più di cento pullman da tutta la Toscana, ma anche dalla Liguria e qualche delegazione anche da Cuneo e altri luoghi lontani.

Parte lo show, interotto ognitanto da filmati che fanno vedere la bella Italia, poi ci sono gli sponsor, anche loro hanno portato qualche filmino e un loro dirigente che ha un suo intervento, bello quello sul credito a cura di Intesa San Paolo, poi altretanto bellino e piena di armonia quello della Cattolica che sembra essere un assicurazione.

Un colpo di scena finale quando appare Renzi e ci annuncia l’abolizione dell’IRPEF, solo a noi eh! Ma prima parte anche un bel spot per il referendum sì, accompagnato da fischi.

29 settembre 2016

Mura-re


E’ nella moda, ci chiudiamo. Isreale, Messico, adesso la Turchia. Per cominciare basta filo spinato NATO: Ungheria, Ceuta.

26 settembre 2016

La democrazia diretta nei tempi della paura

Ieri in Svizzera c’era uno degli sei appunti annuali con referenda e iniziative, in Italia si parla sopratutto della vincità dei “prima i nostri” in Ticino, una di queste iniziative populiste che avrà lo stesso effetto del referendum sull’euro dei grillini, zero.

Prima i nostri!, bene. Uno penserebbe magari che questa frase significasse anche di prevedere un uso responsabile delle risorse del pianeta forse, ma si sbaglia. Abbiamo finito le risorse per l’anno già l’otto di agosto, quindi consumiamo quasi due pianeti/anno. Ma la Svizzera ne consuma tre, di pianeti ogni anno. E c’era l’iniziativa in votazione che voleva scriverlo nella costituzione:

Le disposizioni transitorie della Costituzione federale sono modificate come segue:

Art. 197 n. 8 (nuovo)2

8. Disposizione transitoria dell’articolo 94a (Economia sostenibile ed efficiente in materia di gestione delle risorse)

Entro il 2050 l’«impronta ecologica» della Svizzera viene ridotta in modo tale che, rapportata alla popolazione mondiale, non superi l’equivalente di un pianeta Terra.

Figurati. Prima i nostri e noi. E pieni poteri ai servizi segreti per la sorveglianza di massa. E no, non un aumento della pensione rinforzando il miglior modo, quello diretto.

30 luglio 2016

Ricetta per radicalizzare

Ora, io ho avuto diversi studenti musulmani, e il rischio della radicalizzazione so cos’è. Se mi chiedi: quale fattore può portare un ragazzino o una ragazzina a radicalizzarsi, io a freddo ti risponderei: un vecchio in bicicletta che ti sputa addosso, o sputa a tua sorella.

Tutto da leggere.

21 luglio 2016

Vaccini sì vaccini no

C’è la minaccia (fascista) della Federazione degli Ordini dei medici a espellere chi “sconsiglia” i vaccini. Ma a distinguerli no?

Magari è utile un quadro generale della situazione:

Tra i genitori spesso c’è una gran confusione tra vaccinazioni obbligatorie, consigliate, raccomandate e facoltative. Questa mancanza di chiarezza è la dimostrazione della scarsa attenzione del Sistema Sanitario per un’informazione obiettiva.
Cerchiamo di fare il punto della situazione: i vaccini obbligatori sono 4: antidifterica (Legge del 6 giugno 1939 n. 891 – Legge del 27 aprile 1981 n. 166); antitetanica (Legge del 20 marzo 1968 n. 419); antipoliomielitica (Legge del 4 febbraio 1966 n. 51); antiepatite virale B (Legge del 27 maggio 1991 n. 165). Tutti gli altri sono facoltativi, anche se il Sistema sanitario nazionale ne favorisce l’uso e garantisce la gratuità.

Tra i 29 Paesi europei (27 dell’Unione, più Islanda e Norvegia) in 15 nazioni non esistono vaccinazioni obbligatorie, …


Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore declina inoltre ogni responsabilità per un eventuale cambiamento di vita, anche drastico, come effetto collaterale di una navigazione incontrollata all'interno del sito. Punto. E ci vuole pure una pagina con le norme sulla privacy.


Vogliaditerra funziona con Wordpress - 67 queries in 1,146 secondi | Layout (modificato) da GPS Gazette

Continuando navigare nel sito accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi