Press "Enter" to skip to content

Categoria: gestione blog

Flattr?

Siccome il contadino vuole sempre essere all’avanguardia (per dire il vero non è vero: non usa facebook, Twitter, Friendfeed, il cellulare e i prodotti nella big evil apple) adesso ha un account flattr.

Flattr propone un mechanismo di dare sostegno e apprezzamento libero per gli creatori dei contenuti del web che usiamo, blogpost, indagine giornalistiche, fotoreportage, documenti segreti arrivati a wikileaks, video, podcast, software e altro, definiti “thing”. La differenza è che il sostegno non è solo morale o ti fa arrivare in cima a una classifica ma è espresso (anche) in soldi(ini).

Al contadino in verità piace di più di pagare (dipende che cosa e a quale prezzo) che ricevere dei soldi. Si sente peggio a vendere e ottenere soldi per un agnello, un formaggio o una lattina di olio che a pagare un oggetto o un servizio che gradisce. Forse è strano lui, ci sta, ma l’idea di spendere €10 al mese (il minimo è di €2) sparsi per i vari post o video che ha gradito l’attira, anzi lo fa già da adesso. Solo che per adesso il contenuto è quasi del tutto tedesco. Ecco perché bisogna parlarne nelle province di Internet come l’Italia.

Il contributo libero è in sintonia con l’uomo moderno libero, come il software libero, le licenze creative commons e i corsi di vipassana , che sono completamente gratis basati su contributi volontari.

R. Steiner distingue tra tre tipi di soldi: quelli con quali si compra, quelli che si prestano e quelli che si donano liberamente.

Per ora si può chiedere solo un invito per iscriversi, al contadino avanzano due uno inutilizzato, ecco il codice:

76a35fd33ece7b081

Aggiornamento: flattr adesso è in beta pubblica, tutti si possono iscrivere. Per adesso sono più producenti che si flatterranno a vicenda, accorrete numerosi!

Ne parlano anche il fatto e tagliablog.


Flattr this

14 commenti

Nota di dis-servizio

Visto che piove il contadino entrava nelle viscere di wordpress che gestisce il blog e ha scoperto che sono sparite tutte le iscrizioni alla newsletter settimanale e si sono azzerati le sue impostazioni. Chi desidera deve rifare l’iscrizione. Chiediamo (ma chi sarà mai poi “noi”?) scusa per il disagio tremendo.

Commenti chiusi

Sito malevolo, dice google

…di vogliaditerra, e (aveva) ragione, il problema sarà di farlo rimuovere l’avviso, per ora sono ancora infetti due blog su quattro.

Sembra che l’intero server che ospita chissa quanti siti sia stato infetto in quel modo:

… l’attacco del malware …. alla ricerca di wordpress e, sembra, cambiare la funzione che genera wp_footer(); aggiungendo, in coda, il codice malevolo.

Solo bucando il server (che sia stata utilizzata una versione di wordpress particolarmente insicura o una falla qualsiasi di un altro CMS o del server stesso poco importa) o avendo le password degli account si poteva raggiungere lo scopo (su server Linux) di infettare in massa tanti domini.

Quindi wordpress è innocente.

Il gumblar (si chiama così) inseriva un codice javascript nel piè di pagina, non vorrei sapere cosa combina a chi naviga con antivirus non aggiornati e versioni vecchi di internet explorer. Come mostra l’esempio basta anche visitare un sitino tranquillo pacifico come questo per correre il rischio di infestarsi il computer (windows solo, passare a linux costa molto meno di un mac)

EDIT: aggiornati tutti i blog adesso, il pericolo di un eventuale infezione del pc dovrebbe essere eliminato.

EDIT 2: Purtroppo in due files si è ancora nascosto il codice maligno, ma sono stati eliminati oggi mezzogiorno. Il Feed sembra di avere problemi ancora. Si spera vivamente che il provider fa anche il suo lavoro e chiude il buco nel server che ha causato ‘sto stress a tutti.

AVVISO: Se hai visitato una pagina su questo sito tra 29.3 19:00 fino 31.3 14:30 e usi windows: aggiorna l’antivirus e lancia un controllo.

Il contadino ringrazia di cuore tutti che hanno mandato offerte di aiuto e solidarietà via mail.

4 commenti

Il perché del seguire i blog

La sola buona moneta è il pensiero. Platone
La pittura trasforma lo spazio in tempo, la musica il tempo in spazio. Hugo von Hofmannsthal

Nei tempi di Twitter, facebook e altre cose ultramoderno il mondo di blog sa di vecchio e ammuffito. Finito l’entusiasmo del blogroll, la goduria dei commenti e trackback in un gran ammasso di microinformazione ultraveloce buonoapoco.

Ma ecco: ognitanto dal lettore dei feed spuntano perle.

2 commenti

La mamma dei [censurato] ha partorito tempo fa

– Uno che lancia un duomo contro il Presidente del Consiglio

– Uno che ha il clic facile su facebook per creare un gruppo (e tutti quei non-anomini su facebook che hanno aderito con un altro clic facile):

Qualcosa si sta già muovendo a riguardo: la Procura di Roma ha aperto una indagine sui due gruppi di Facebook più discutibili, intitolati “10-100-1000 Massimo Tartaglia” e “Berlusconi a morte”, con l’accusa di istigazione a delinquere.

Nelle indagini è stata coinvolta la Polizia Postale, che è stata incaricata di fare gli accertamenti utili per individuare chi ha aperto i due gruppi di Facebook.

– Un Onorevole :

«Internet e i social network stanno diventando, ogni giorno di più, canali e strumenti di diffusione di odio e veleno. I gruppi nati su Facebook per inneggiare alla vile aggressione, subita ieri a Milano dal Presidente Berlusconi, provano, ancora una volta, che è giunto il momento di eliminare definitivamente l’anonimato in rete.

…I social network non sono più luoghi di incontro e socializzazione virtuale. Si sono trasformati in pericolose armi in mano a pochi delinquenti che, sfruttando l’anonimato, incitano alla violenza, all’odio sociale, alla sovversione».

– Un noto portiere alla tivu:

Alla fine, a dare la risposta a quel «Perché?» è il padrone di casa: se Tartaglia non fosse «vicino ad ambienti del social network» (sic), se non ci fosse così tanta gente iscritta ai blog (eh?), se non si avvertisse tutta questa violenza su Facebook (si sa che la Pet Society è piena di latitanti), allora forse vivremmo tutti più tranquilli.

– Un ministro:

“Valuteremo soluzioni idonee da presentare al prossimo consiglio dei ministri” per consentire “l’oscuramento dei siti che diffondono messaggi di vera e propria istigazione a delinquere”. E aveva aggiunto: “Nel rispetto di chi usa i social network con finalità pacifiche, il governo sta facendo approfondimenti tecnici per una legislazione per contrastare in modo più efficace episodi di violenza nelle manifestazioni pubbliche”

Buon lavoro, complimenti a tutti.

Commenti chiusi

webinar

No, non era l’ultimo post, google l’ha appena invitato a un webinar per ottimizzare la sua pubblicità su queste pagine.

Sembra una cosa a prova di virus.

Commenti chiusi

Cercasi avvocato

Oggi prima di pranzo un’altra piacevole chiaccherata con il Maresciallo riguardante la presunta offesa da parte di un commentatore tempo fa su questo blog. Il contadino è venuto a sapere chi ha querelato e per quali frasi.

Facciamo un paragone: Il cantante Roberto Cuculo (nome inventato!) cerca il suo nome con un famoso motore di ricerca e il quinto risultato recita nello stralcio sotto qualcosa come “….come il pseudo-cantante Roberto Cuculo…cantanti che non sanno nemmeno cantare bene….

E’ diffamazione sempre? O si può dire questo solo se è vero e se sì chi lo stabilisce?

Ovviamente ha ragione di sentirsi offeso, e se mandava a quei tempi remoti una mail al contadino lui avrebbe tolto il commento anche senza prova audio delle sue capacità. Ma ha preferito – per ignoranza (delle usanze nella rete) per motivi economici – di querelare l’autore del commento, che per ora ha una identità solo nella forma di un indirizzo IP.

Il problema è che il contadino ha nella sua mail una richiesta formale della GUARDIA DI FINANZA, NUCLEO SPECIALE FRODI TELEMATICHE, 2^ SEZIONE che vorrebbe sapere quel numero che permetterebbe (provider permettendo) di risalire al PC sul quale era stato scritto il giudizio negativo sul povero cantante e si sente abbastanza male, pensando a entrambe le persone.

La domanda per l’avvocato sarebbe questa: lui è obbligato di “estradare” il commentatore o ci vuole qualcosa di più che questa richiesta, tipo un foglio del giudice? Grazie per eventuali risposte.

…si ha diffamazione nel caso in cui le qualifiche offensive vengano “rovesciate” dentro ad un forum o ad un newsgroup. Ingiuria e diffamazione sono divenuti, ultimamente, reati di competenza del Giudice di Pace. Per richiedere la punizione del colpevole di un reato di questo tipo, rimane sempre necessario presentare una apposita denuncia querela, cosa che può essere fatta, anche senza l’assistenza di un avvocato, presso la locale Stazione dei Carabinieri o presso la Questura.

A seguito di tale iniziativa, se la Procura riterrà fondata e perseguibile la notizia di reato, il procedimento si svolgerà di fronte al Giudice di Pace territorialmente competente, il quale se individuerà un colpevole, potrà condannarlo, in seguito alle recenti modifiche legislative, solo ad una multa, cioè una sanzione pecuniaria, ovvero alla permanenza domiciliare o allo svolgimento di un lavoro di pubblica utilità.

[qui]

6 commenti

Vincere piace, c’è nulla da fare

Nella categoria Photoblog, dedicata ai diari online fotografici, il gradino più alto del podio è di Voglia di Terra.

Se lo dice il Corriere sarebbe da fidarsi, no?

E il contadino sapeva neanche che era nominato il suo photoblog e mentre cercava la conferma della notizia dato da un gentile commentatore s’imbatteva in un post del 2006: sembra che aveva vinto anche in quest’anno, ma non se ne ricorda di nulla. E’ grave?

Comunque sia, il contadino ringrazia il mondo per questa carezza.

11 commenti

Feed guarito

Su gentile segnalazione si comunica che il feed di questo bloghetto è stato riparato in data odierna. Non aveva digerito bene l’aggiornamento di wordpress mesi fa e probabilmente passava per alcuni come uno dei numerosi blog in letargo.

4 commenti

Offesa su internet

Ha appena chiamato il maresciallo S. di Roma. Vuole sapere se il contadino ha l’indirizzo IP di un commentatore che a una determinata data abbia inserito un commento. Il contadino ce l’ha, ‘sto numero. Il maresciallo non poteva dire quale post e quale commento è oggetto del fascicolo della magistratura, l’unica informazione è che era fine 2008 (sembrava che volevano poi venire in sede per verificare poi un errore 404 dopo a cancellazione…).

Tutto per dire: se te ti ritieni offeso per un post o per un commento di un altro: non intasa la magistratura che ormai non ce la fa più neanche di garantire i diritti fondamentali come il semplice pagamento di una fattura.

Scrivi una mail al contadino, scrivi un commento, ti prego, per favore.

9 commenti

A presto

Domani il contadino parte per il paese natale, prima destinazione Toggenburg.
viaggio1.jpegtoggenburg-0131.jpeg

9 commenti

Cosa vorresti leggere?

Sembra un blog se non morto ma in letargo, il contadino se ne rende conto. 

Quindi si accettano proposte/ordinazioni di post (escluse tematiche come lo scivolamento  verso destro dell’Europa o qualsiasi argomento inerente  alla politica italiana che il contadino tiene ancora su un certo livello qui).

Altrimenti si parlerà dei gatti e  gattini.

12 commenti

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi