Press "Enter" to skip to content

Ciao bio

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

www.ariannaporcellisafonov.com/

6 commenti

  1. maria 17 ottobre 2018

    92 minuti di applausi

  2. ijk_ijk 23 ottobre 2018

    Sottoscrivo.
    Ho sempre creduto poco nel bio dall’inizio, ma oggi è diventato veramente solo ed esclusivamente un business.

  3. ste 23 ottobre 2018

    Da una parte è vero questo, dall’altro c’è il tipo di agricoltura che faccio io e molti altri…

  4. fabio 23 ottobre 2018

    L’autoproduzione e’ l’unica salvezza…solo noi sappiamo quanto bio c’e’ nella nostra terra

  5. ste 23 ottobre 2018

    E quelli in città? L’autoproduzione è certamente bello ma richiede molto tempo, se produci per più persone il lavoro aumenta solo di poco, la base rimane.

    Pensandoci il punto dolente è che il pensiero economico-commerciale abbraccia e rovina tutto, agri-cultura biologica compresa, ma sta per divorare anche la scuola, la cultura e ovviamente anche la politica. Quindi non è il “bio” che fa schifo ma tutto l’intorno.

  6. Alain 11 novembre 2018

    troppo scontato, livello sbronza. A sparare sull’ambulanza si regala dei punti alla Bayer, nient’altro. La critica sul biologico va articolata un po meglio…

Commenti chiusi.

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi