Vogliaditerra

13 settembre 2016

C’era una volta

Questa sera – con una vendemmia davvero eccezionale finita – con l’occasione il contadino ha tirato fuori dal cassetto del tavolo il libro rosso vecchio che contiene un po’ la storia del podere dal ’82 in poi per vedere quante volte c’era una quantità d’uva paragonabile.

Ci sono segnate le entrare e uscite, i quintali di uva e i kg di olio, le spese per i francobolli, le candele, il mangime per il cane, per il paracadute militare in cotone per cogliere le olive – tutto insomma, rigorosamente suddiviso per spese di casa e entrate/spese dell’aziendina. Tutt’incuriosite le nipotine, a sentire che per fare una telefonata si andava in paese al bar che avevano la cabina e il contatore. E si segnava sul libro rosso, dopo la spesa per i chiodi e per i francobolli.

“E se non ti rispondevano?”

“Si ritornava il giorno dopo…”

Poi non c’era nemmeno la luce,o meglio era a candela e cerosene, e l’acqua si portava in secchi dalla cisterna in casa. Poi quando hanno sentito la storia della linea del telefono con 18 pali per il bosco (600mila lire) che arrivava nel’96 (per durare nemmeno vent’anni)…

Il libro rosso fu abandonato a) perché era pieno b) perché tornavano mai i conti tra quelche doveva essere in cassa e quello che realmente c’era.

Commenti:


  1. ah ah

    bellissima contadino.

    raccontare queste cose alle nipotine è una gioia.

    ma allora è dall’82 che il destino ti ha lasciato a piedi e ti sei fatto il podere?

    ricordo al mare negli anni 80 si andava al posto pubblico con la cabina e il contatore per telefonare…che anni

    buona serata


    marco

  2. anche io ricordo bene le cabine telefoniche. Nell’82 non avevo un lavoro; ma mi sono ritrovata con due figli da tirare su e una casa da mantenere… e per fortuna, la mia famiglia mi ha aiutato fino a che ho trovato un lavoro con stipendio. A volte pensavo che non ce l’avrei mai fatta comunque; e invece eccoci qui. Figli grandi, i nipotini che, anche loro, ascoltano di quando il tempo scandiva in un modo molto diverso.
    La grande, che ha 10 anni, sta avendo un rigetto nei confronti della tecnologia e si lamenta del fatto che nessuno l’ascolta perchè sono tutti fissi su un cellulare o un pc… ma lei ha me che, anche a distanza impossibile… grazie alla tecnologia(!!!!!)… su skype mi racconta la sua vita ed io il passato. Lei è bellissima dentro e fuori; sembra l’eterna primavera.


    Barbara

Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore declina inoltre ogni responsabilità per un eventuale cambiamento di vita, anche drastico, come effetto collaterale di una navigazione incontrollata all'interno del sito. Punto. E ci vuole pure una pagina con le norme sulla privacy.


Vogliaditerra funziona con Wordpress - 75 queries in 0,608 secondi | Layout (modificato) da GPS Gazette

Continuando navigare nel sito accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi