Vogliaditerra

pensieri agricoli

Archivio di novembre 2014

28 novembre 2014

Parla la rete!

grillo

La voce della rete che ascoltiamo oggi qui è di Alexa.

26 novembre 2014

Tentativi digitali governativi

I governo vuole sapere cosa pensate sulle etichette e usare i risultati nelle sue azioni.

Il processo di consultazione prevede le seguenti fasi:
a) Acquisizione delle opinioni.
b) Elaborazione delle risposte.
c) Traduzione delle risposte in un documento riepilogativo sottoposto al Ministro e successivamente pubblicato sul sito del Mipaaf.
d) Utilizzo e valorizzazione dei risultati come presupposto per tutte le scelte da intraprendere sul tema.

Il MiPAAF potrà, inoltre, decidere di allargare la base informativa a supporto delle scelte anche avviando azioni alternative come, ad esempio, specifici focus group la cui base di partenza non potrà che essere costituita dai risultati ottenuti in sede di consultazione pubblica.

mipaaf

Bene, concesso la fiducia, vediamo. Il contadino le sue opinioni in materia le ha mandato due volte perché il livello tecnico di questa consultazione -almeno la chiamano con il nome giusto e non “votazione online” come fa un altro organizzazione incapace tecnicamente anche lei – è da terzo mondo. Basta eliminare il cookie e si può votare all’infinito, nessun controllo se arrivano dati uguali dallo stesso IP, nessun https come sarebbe il minimo. Ora qui i brogli saranno improbabile, ma se per esempio l’industria olearia (non particolarmente interessato al indicazione della provenienza delle olive, anzi) era sveglia potevano far votare un paio di precari per tre giorni, alterando ben bene il risultato.

26 novembre 2014

Evento meteo straordinario

Da ieri sulla Toscana centrale cadono delle piogge regolari, ieri sera si è misurato 16mm distribuiti su più di tre ore e anche per la serata di oggi il fenomeno inconsueto sembra ripetersi. I meteorologi avanzano delle ipotesi di ogni tipo, ma le cause per ora non sono molto chiare, c’è chi tira pure in ballo l’influenza sulla troposfera dei vapori della macchina di caffè italiana portata sulla stazione spaziale internazionale.

precipitazioni

Per tornare alla serietà che ha da sempre distinto ‘sto blog dalla fuffa in giro: Il contadino ha aggiornato suo foglio di calcolo con le piogge dal ’97 in poi. Come si vede per quasi 5 anni ha piovuto meno della media, compreso una siccità che durò due anni boni, e per ora sembra si voler piovere più della media, da due anni. Quello che è completamente sballato per ora è la temperatura.

24 novembre 2014

Vita religiosa nello spazio

ISS cristiana

Il contadino oggi era rimasto colpito dall’iconaia sull’altare sulla stazione spaziale – sembra che tutt’operato dei russi.

17 novembre 2014

Pensieri sparsi

In società le nuove generazioni riescono sempre a uscire dal recinto appena grandicelli. Almeno nel pollaio del contadino è così.

Un battito di un ala di farfalla può causare una tempesta o come si dice. Una bustina di plastica gettata da una macchina può causare un inondazione (tappando la prima fogna e facendo saltare anche le prossime)(Questo vale anche per ogni fossetto non più curato in campagna- saranno anche più o meno pari di numero). A proposito: qui per ora siamo fortunati, piove piove ma non esagerato fino adesso.

Al contadino sembra che se ne parla meno di decrescita felice con quella forzata in atto.
Le scelte devono essere libere.

Qui a casa del contadino è saltata la antenna per internet da giorni.
E’ anche una liberazione (nel senso di tempo diventato davvero libero); ogni due giorni va col portatile dal vicino e spedisce le mail scritte offline e anche questo post qui. (Non capisce come uno può vivere serenamente con internet sempre nella tascina – o più ferquente qusi: tra le mani; poi il pollice non è neanche fatto per questi movimenti fini).

9 novembre 2014

Einstein in colore

Einstein in vacanza

Fotografie ricolorate ad arte.

7 novembre 2014

Luce dappertutto buio dentro

alpi illuminati di notte

La società moderna drogata di intrattenimento non si ferma neanche davanti la notte in montagna. Illuminazione pirotecnica prevista per il 2015 nel Vallese.

7 novembre 2014

Mollare la campagna?

giant-clip_02   Mehmet Ali Uysal

Mollarla solo così semmai.
Opera di
Mehmet Ali Uysal.

6 novembre 2014

Ormai piove a bomba sempre

Quasi per scherzo il contadino avevo pensato quando finalmente arrivavano le piogge “dov’è che farà danno adesso?” ma c’è poco da scherzare. Qui sono caduti soli 20mm per benino, ma in Calabria e Sicilia punte oltre 250mm e in Toscana a e dintorni Carrara 221 mm con punte di 294mm in sempre poche ore, a Roma pure.

Ma la forza della natura è anche di una bellezza impressionante:

E’ in Svizzera è arrivata la neve per benino.

4 novembre 2014

Pompa solare senza elettricità

Prima il contadino pensava di aver letto male, ma è vero. Ognitanto arrivano delle mail “Gentile Redazione di vogliaditerra.com, ecc ecc” è il contadino prima si sente onorato per il titolo “redazione” poi legge tre righe e pigia “canc”. Ma questa volta no, mette il link www.novasomor.it/ e tutto, che sembra una cosa assolutamente da sostenere.

L’unica cosa che non ha trovato è la resa lt/giorni/prevalenza.
Portata di 800 lt/h 40m prevalenza:
www.novasomor.it/eliopompe-pompe-termodinamiche/

Per creare un motore termodinamico a bassa temperatura, occorre invertire il modo di utilizzare i gas volatili. Come fece a suo tempo Daniele Gasperini nel 1935 con la sua pompa “Elio Dinamic” e successivamente negli anni ’50 con la SOMOR, si mette uno specifico gas condensato a contatto con del calore prodotto dal sole o da altra fonte che ne disperde (da qui il termine di “motore a calor perduto), come fa ad esempio qualunque motore endotermico che abbisogni di un radiatore per non fondere. Il gas surriscaldato si espande e quindi genera vapore in grado di muovere un pistone ovvero di azionare un motore. Ma per completarsi il ciclo termodinamico ha bisogno che il gas vaporizzato, appena fatto il suo lavoro, venga rapidamente raffreddato e quindi condensato per poter essere di nuovo riscaldato. Per questa fase si usa l’acqua sollevata dal pozzo che sale ad una temperatura abbastanza bassa da consentire questo utilizzo. Si può ottenere questo eccellente risultato, sia in termini di costi che di bioeconomia, (niente condensatori o evaporatori elettrici), solo quando il calore e il fresco sono disponibili gratuitamente.

2 novembre 2014

Mela sotto olivo

Il grande evento di ieri era che il contadino tornando con motocoltivatore vuoto (di letame) ha trovato un iphone 5 o come si scrive sotto un olivo, piena di terra e parecchio guazzoso. L’ha portato a casa, messo al sole e visto che era mezz’aperto e si vedevono le budelle l’ha anche schiacciato per chiuderlo. Suo amico sapeva come avviarli ed ecco che funzionava ancora. Sim bloccato ma un vero contadino-sherloc si mette subito a indagare.

E’ in portoghese.
SIM bloccata ed è dalla 3, quindi italiana.
Pigiando in qua e là si arriva al calendario, sono impostati l’ora di Brasilia e l’ora di Roma.
Pigiando dell’altro arriva pure lo sfondo, un albero straniero in fiore, tutte rosa.
Pigiando e attivando Siri vuole fare una specie di chat (facetime) con persone sempre di nomi in portoghese.
Ultima attività – aggiornato skype e altro – su iTunes 10gg fa.
E si possono fare pure i selfie e le foto.

Esclusi cacciatori e tartufai. Turista? Ma che ci fa dietro le capre, un oliveto dove si arriva solo tramite viottolo nel bosco o cavalcando la rete dal recinto delle pecore?

Oggi però si è risolto il mistero ed è tornato al suo posto. Ladri in casa in paese, carabinieri che li inseguivano per i campi. Moglie del figlio di N. che ha vissuto per anni in Brasile, ed ecco lo sfondo rosa.

Però l’idea del ladro che corre di notte dietro le capre e butta l’iphone rubato gli piace poco.

2 novembre 2014

Musica viva

Stamattina alla radio ha sentito la pubblicità per questo disco che volentieri rilancia qui ai suoi quattro lettori. Poi per caso ha trovato questa perla:


Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore declina inoltre ogni responsabilità per un eventuale cambiamento di vita, anche drastico, come effetto collaterale di una navigazione incontrollata all'interno del sito. Punto. E ci vuole pure una pagina con le norme sulla privacy.


Vogliaditerra funziona con Wordpress - 67 queries in 3,197 secondi | Layout (modificato) da GPS Gazette

Continuando navigare nel sito accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi