Press "Enter" to skip to content

Morte di XP e sicurezza informatica

xp

Il contadino si domanda davvero sulla cultura, quella informatica. Questo 28% che visita il suo sito con un sistema operativo non più supportata da domani andrebbe in giro anche in una macchina con freni mal funzionanti e senza specchietti?

Per chi ama i freni funzionanti e i specchietti regolati bene ci sono due possibilità: buttare il pc aumentando le discariche di PC in Africa per passare a un windows o Mac supportati o imparare a installare un sistema operativo libero come per esempio Xubuntu o Lubuntu che girano benissimo su PC su quali girava XP e hanno un forum frequento per ogni tipo di supporto.

Per ora ha attivato un avviso per i browser con problemi di sicurezza.

PS: visto che hanno pure trovato 18 milioni coppie email-passwd attuali (tra cui 3 milioni tedeschi) il ministero dell’interno ha messo a disposizione un sito per verificare se sì fa parte del database che viene usato di criminali attivamente. Inserire la mail che si desidera verificare e se è presente nella raccolta dei passwd si viene avvisata con una mail firmata pgp con nell’oggetto il codice.

4 commenti

  1. Aspirante biodinamico 7 aprile 2014

    Grazie Ste…

  2. uguccione 7 aprile 2014

    Colpa della siemens. Do you know?

  3. ste 7 aprile 2014

    Le mail con passwd rubate o la fine di XP?

  4. simone 10 aprile 2014

    perchè fino ad ora era sicuro Xp ??
    la cosa più folle è che contemporaneamente hanno spento microsoft essential, l’antivirus per xp. della serie “visti gli immensi investimenti su cellulari e tablet, che abbiamo fatto con 2 anni di ritardo -c’abbiamo rimesso un sacco di soldi-, abbiamo bisogno di grana. il modo migliore, per noi della microsoft, è crearvi ansia e spingervi a buttare i vostri pc per comprarne dei nuovi”. e purtroppo ci riusciranno 🙁

Commenti chiusi.

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi