Vogliaditerra

pensieri agricoli

Archivio di settembre 2012

27 settembre 2012

Il ritorno del nucleare

Nel senso che tutto prima o dopo torna al mittente, cioè a noi. Nel anno 1958 vedeva la luce il sottomarino russo K-27, 110 metri, due reattori abbastanza sperimentali che creavano da subito problemi dal primo viaggio 1962, finché nel il 24 maggio 1968 ci fu un incidente fatale, con nove marinai morti quasi subito di radiazioni e altri 30 morti negli anni a seguire. Finiva riempito con cemento e affossato nel 1981 nel mare di Kara a 33 metri di profondità.

Secondo un report (riassunto in inglese)della TV tedesca di due giorni fa che cita un documento interno del dicastero per l’ambiente russo ci sarebbe un rischio concreto che parta una reazione nucleare incontrollata, basterebbero 5 lt di acqua che filtrano nel reattore e quindi deve essere recuperato dal fondale entro il 2014, e stesso discorso per la K-159 a 25o metri. Una spedizione norvegese ha finito adesso il suo report, con una mappa/lista e foto/video su flickr.

Impressionante la lista della discarica, buttavano di tutto:

Tetcehninya Bay
– Two reactors of the nuclear submarine K-22 (N538) (dumped in 1988) Without SNF spent nuclear
Fuel
Sedova Bay
– Reactor compartment of the atomic icebreaker Lenin (1967) Without SNF
Tsivolky Bay
– 237 containers with RW With Radioactive Waste
– Shielding assembly of the atomic icebreaker Lenin (1967) With SNF
Stepovogo Bay
– Nuclear submarine K27 (1981) Two reactors With SNF
– Four reactor lids
Kara Through
– Reactor of the nuclear submarine K-140 (N421) (1972) With SNF
Abrosimov Bay
– Two reactors of the nuclear submarine K-3 (N254) (1988)
– Reactor compartment of nuclear submarine K-5 (N260) (1967) With SNF
– Reactor compartments of the nuclear submarines K-11 (N285) (1966) and NS K 19 (N901) (1965)
With SNF

Infine ci sono la K-219 e K-278 affondate con le loro testate nucleari.

EDIT: qui la fonte per le “5 litri che potrebbero bastare per innescare una reazione nucleare. Una registrazione di una relazione a Mosca di Sergej Antipov della Rostatom, del febbraio scorso:
Il pensiero più grande: la K-27
Audio:

»Wenn etwa fünf Liter Wasser in die aktive Zone der K-27 eindringen, kann es prinzipiell zu einer selbsterhaltenden Kettenreaktion
kommen.«

“5 litri di acqua che penetrano nella zona attiva della K-27 potrebbero innescare una reazione a catena autosostenuta”

Antipov insiste per una messa in sicurezza immediata.

27 settembre 2012

In mostra

Era un processo piuttosto lungo ma adesso queste 15 fotografie del contadino sono in bella mostra nella pizzeria migliore della zona.

27 settembre 2012

Free running in Gaza

Solo adessi il contadino impara che esiste il free running. A Gaza e altrove.

22 settembre 2012

Come riconoscere un bravo artigiano

Lo chiami al cellulare di giorno e non risponde.

20 settembre 2012

Tempi duri per gli OGM

E giornata nera per la Monsanto. In Francia hanno nutriti ratti per due anni con una dieta al 11% di mais OGM e un altro gruppo di ratti con acqua condita con il roundup, il famoso diserbo al quale questi culture OGM sono resistenti. Risultati devastanti, più per le femmine che morivano 2-3 volte di più di quelle del gruppo di controllo e morivano anche più velocemente, secondo lo studio. Tumori, malfunzionamenti renali e danni al fegato.

Così duecento ratti bianchi hanno dovuto soffrire e morire.

Più dettagli su blogeko.

PS: A qualcuno potrebbe anche bastare vedere il round-up in azione nella natura:

19 settembre 2012

La marcia del cibo buono

Ovvero “The Good Food March” oggi è arrivato a Bruxelles, tra le tappe anche Napoli, partiva fine agosto in diversi luoghi di tutta l’UE. E c’è da cambiare veramente molto: un miliardo di persone non hanno da mangiare abbastanza mentre noi buttiamo un terzo del cibo, bruciamo un altro percentuale cospicuo nelle nostre automobili, sovvenzionamo l’agroindustria con 350 miliardi di dollari (stati OECD) l’anno e inondiamo i mercati in Africa e altrove con i nostri prodotti a buon mercato, ammazzando l’agricoltura locale.

Per non parlare dell’abbandono in continuo amumento delle alpi e delle terre marginali qui.

A Bruxelles si discute del destino della nostra alimentazione e dei nostri agricoltori. Per la prima volta, la riforma dell’agricoltura europea sarà decisa congiuntamente dal Parlamento europeo e dai governi nazionali. E’ questa la nostra occasione per chiedere una Politica Agricola Comune (PAC) che assicuri buon cibo e una buona agricoltura. E ‘il momento di cambiare.

Negli ultimi 50 anni, le nostre tasse sono state impiegate per sostenere la produzione alimentare
industrializzata. Questa forma di agricoltura sta minacciando l’esistenza dei nostri agricoltori del Nord e del Sud del mondo. Crea, da un lato, insicurezza alimentare a livello globale e, dall’altro, montagne di rifiuti alimentari. Distrugge l’ambiente perché si basa su un uso eccessivo di fertilizzanti chimici, pesticidi nocivi e combustibili fossili. Gli allevamenti intensivi dipendono dalle importazioni di soia destinata all’alimentazione
animale. Questi allevamenti ignorano il benessere degli animali, aggravano il cambiamento climatico e conducono all’abbandono delle aree rurali. Chiediamo una profonda revisione del nostro sistema agroalimentare. La PAC deve cambiare, marciamo per cambiare!

Questa estate, agricoltori, cittadini e giovani provenienti da tutta Europa marceranno verso Bruxelles, a piedi, in bicicletta o con il trattore. Lungo il tragitto, prenderanno parte ad a eventi, azioni e proteste. Invitiamo tutti a venire a Bruxelles il 19 settembre 2012 per chiedere che l’Unione europea assicuri un buon cibo e una buona agricoltura.

Chiediamo una PAC che:
– Garantisca agli agricoltori, prezzi sicuri, stabili ed economicamente sostenibili e ai consumatori, prezzi equi.
– Valorizzi il nostro patrimonio naturale, culturale e culinario.
– Sostenga le vere aziende agricole, condotte sia dai giovani che dai meno giovani. Non possiamo più permetterci di perdere agricoltori!
– Leghi direttamente i sussidi a criteri sociali, ambientali e di benessere degli animali. Denaro pubblico per beni pubblici!
– Ci conduca verso un’agricoltura più verde e più sostenibile, e promuova metodi di produzione agro-ecologici.
– Rafforzi lo sviluppo sociale ed economico delle comunità rurali.
– Favorisca la coltivazione di colture proteiche locali per uso mangimistico, piuttosto che alimentare l’importazione di soia.
– Assicuri una maggiore equità tra vecchi e nuovi Stati membri dell’UE.
– Ci muova verso la sovranità alimentare.
– Assuma responsabilità internazionale e assicuri che l’Europa e il Sud del mondo diventino più
autosufficienti.
– Contrasti la speculazione alimentare e ponga fine all’esportazione di prodotti agricoli ad un prezzo inferiore al costo di produzione.

15 settembre 2012

Ciao ciao nucleare

Almeno così dicono, come sempre vanno valutati i fatti. Il Giappone sembra che abbia imparato la lezione tosta di Fukushima.

Questo significa che l’industria nucleare passerà in mani cinesi, indiani, francesi e russi, unici rimasti sulla barca che affonderà. 7 di 11 imprese hanno subito un declassamento delle agenzie di rating e perso 88% di valore in borsa, sono più le centrali smantellati che quelle nuove in costruzione.

14 settembre 2012

Il succo

strettoio

Oggi si è cominciato a vendemmichiare, 32 cassette di uva bianca bellissima per il vin santo e 4 bigonce di canaiolo per la prima mandata del succo d’uva pastorizzato. Quest’anno almeno ha piovuto bene prima della vendemmia, anche se troppo tardi per certe vite che portano un uva leggerina e piccola, nel tutto la situazione è un po’ meglio del anno scorso (che però ha dato un vino però fenomenale), però qui c’è per la prima volte il cinghiale in giro che sciupa l’uva, dopo che ha già rigirato mezza letamaia e coltrato un bel po’ del pascolo l’inverno scorso.


L’impianta ecologico a norma EU in uso, capacità: due bolliture di circa 40 bottiglie di birra ciascuno al giorno.

11 settembre 2012

Meglio tardi che mai

Adesso pure la commissione europea comincia a capire che questo biocarburante né è molto bio né è neanche molto vantaggioso:

Il settore dei biocarburanti europei potrebbe vedere di nuovo cambiate le carte in tavola. Secondo le ultime indiscrezioni, confermate in queste ore dall’agenzia di stampa Reuters, l’Unione Europea starebbe preparando un nuovo progetto normativo con cui limitare alcune colture destinate alla produzione di biofuel.

Il prodotto con il bilancio peggiore è il diesel ottenuto dalla colza.

10 settembre 2012

Tempi di raccolta

Nel mondo mentre qui si vendemmia tra una settimana, e nel frattempo ingrossano le olive a vista d’occhio.

10 settembre 2012

La russia brucierà le armi – nucleari.

In un nuovo reattore “autofertilizzante” BN-1200 a Belojarsk, dov’è già si trova il primo e unico reattore di quel tipo funzionante dal 1981 che andrà in pensione nel 2020 (nota: pure i reattori andranno sempre più tardi in pensione).

he first BN-800 unit is intended to demonstrate the use of mixed-oxide (MOX) fuel at industrial scale – including both reactor-grade and weapons plutonium – and the closed fuel cycle technology.

Qualcuno forse si ricorda di Fukushima e del suo reattore che andava a Mox ovvero a miscela uranio-plutonio. Speriamo bene. Ci sono circa 1,000 tonnellate di plutonio nelle vasche di raffreddamento delle centrali nucleari in giro per il mondo. E altre 250 tonnellate di PU-239 presenti nelle varie armi nucleari, molti da disfare solo che non c’è verso. O si brucia così.

4 settembre 2012

Tutto andrà bene da ora in poi


E’ rinato l’erba.


Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore declina inoltre ogni responsabilità per un eventuale cambiamento di vita, anche drastico, come effetto collaterale di una navigazione incontrollata all'interno del sito. Punto. E ci vuole pure una pagina con le norme sulla privacy.


Vogliaditerra funziona con Wordpress - 65 queries in 0,806 secondi | Layout (modificato) da GPS Gazette

Continuando navigare nel sito accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi