Press "Enter" to skip to content

In capanna, di notte

Tutto colpa del granturco – ora il contadino l’ha messo sullo scaffale.

La fototrappola consiste in un sensore ai infrarosso, un reais di 3V al posto degli LED e un cavetto auricolare con jack di 2.5mm collegato alla reflex. Da migliorare la tecnica flash, quello esterno che ha preso usato si spegne dopo 15min.

9 commenti

  1. Maria 20 settembre 2011

    Un istrice nella rimessa! Qui dove abito io al massimo ci vanno i ricci… Mi piace come lo guarda il gatto bigio 😉

  2. barbara m. 20 settembre 2011

    ah ah, spettacolo! 🙂

  3. Laqualunque 20 settembre 2011

    guardando per prima le imagini mi domandavo come lavevi ripreso?
    poi ho capito,bravo!

  4. Harlock 20 settembre 2011

    …ma com’è bello tranquillo!!
    adottalo come animale da compagnia …certo i gatti saranno gelosi!

  5. Zappatore a Tokyo 21 settembre 2011

    Ma e’ un bestione!
    Bell’arguzia il sensore! Hai fatto delle bellissime foto!

  6. Maria 21 settembre 2011

    Credo che nessun fotografo dilettante abbia mai fotografato l’istrice, è un brutto cliente anche per i professionisti specializzati in animali selvatici.Chapeau, Ste: mi ero dimenticata di dirtelo prima 😉

  7. ste 21 settembre 2011

    Bravissimo è lui con le fototrappole.

  8. vale 22 settembre 2011

    e io non sapevo che esistessero le fototrappole! quante cose si imparano…

  9. ste 22 settembre 2011

    Anche questi sono stati fatte con una trappola (diversa) 🙂

Commenti chiusi.

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi