Vogliaditerra

7 settembre 2011

Codibugnoli, rame e spintor fly – la lotta riparte

Da quando il contadino studia il comportamento della mosca dell’olivo ha visto che in questo periodo fine agosto/inizio settembre dove si riconoscono bene le olive infestate spesso un uccello li apre per mangiare la larva ma ha mai pensato chi è e sopratutto come fa, perché non è così facile. Da quando ha conosciuto il suo nuovo grande amore invece lo sa, solo lui è così agile e leggero e pensa già come aiutarlo a nidificare. Che l’assenza di veleni sul podere aiuta agli uccellini carnivori è ovvio.

Avrebbe dovuto piovere e invece non l’ha fatto qui, a parte i 4 mm cascati che accendevano solo la speranza e basta. Ma ha rinfrescato e le mosche di quella infestazione di luglio che hanno sopravvissuti la calure africana e i codibugnoli adesso volano: 6 catture in un giorno nel punto più critico. Oggi ha dato la poltiglia bordolese e lo spintor fly (per la terza volta). Funziona benino anche la carte gialla (anche senza feromone) ma costa decisamento troppo per 400 olivi, visto la durata, si dovrebbe sostituire anche 5 volte. Ma potrebbe essere un ottima soluzione per uliveti piccoli

Commenti:


  1. Beh, hai un alleato che sa il fatto suo!
    Buona guerra, io tifo per voi!

    Zappatore a Tokyo


    Zappatore a Tokyo

  2. Ciao Ste, perdona che ci capisco un piffero, ma lo spintor fly e’ piu’ efficace o meno delle ecotrap? costa di meno o di piu’? Si puo’ dire sia la soluzione migliore al momento?
    Ipotesi irrealista, un esercito di codibugnoli puo’ essere anche una soluzione alla mosca?
    Per pura curiosita’, in termini spirituali la miscela spintor fly (che se capisco bene in un certo modo e’ un veleno naturale considerato che uccide la mosca ed e’ leggermente tossico per gli acquatici) in relazione a un sistema meccanico (la ecotrap o la carta adesiva) potrebbe avere delle controindicazioni?


    Gennaro

  3. E’ la prima volta che la uso, te lo sapro dire forse. La differenza è che è più impegnativo ma non attira le mosche con feromone e ammoniaca, credo che sia più adatta ad una situazione di poca superficie/poche piante, con le ecortrap bisogna lavorare insieme con i vicini per raggiugnere la superficie necessaria.

    L’ecotrap contiene un veleno “naturale” ma fatto con la sintesi, quindi sempre veleno è ma molto selettivo e l’impatto ambientale è davvero poco. La carta gialla è forse meno selettivo. Più codibugnoli!


    ste

  4. cavolo solo 4 mm!
    quaggiù un 4-5 cm son venuti, non che abbia cambiato molto le cose, ma almeno vendemmiano un po’ tutti.

    codibugnolo: lo diceva un vecchio contadino che prima la mosca aveva più avversari e colpiva di meno, vuoi vedere che è vero?


    barbara m.

  5. beh, io quest’anno ho messo solo quello che dici tu che non funziona: le bottiglie!
    Non avevo voglia di usare lo spintor fly, e per il rame ci vuole la pompa che non ho. Spero nella buona sorte!

    Da me ha piovuto perbene questa volta, troppo tardi ma ha piovuto!


    Harlock

  6. A sentire che a 1o km ha piovuto 10 volte di più… già due hanno vendemmiato qui prima che è completamente uva sultanina…

    Le bottiglie con pesce o quelle con aceto e zucchero?


    ste

  7. …nelle bottiglie ci metto un pezzetto di trota che i pescatori pescano solo per sport, acqua e ammoniaca!


    Harlock

  8. mannaggia ste…qui l’olio cala e non so se arriviamo a dicembre, ma possibile che ne consumiamo così tanto? (sarà perchè è troppo buono?)
    mi toccherà chiederlo a mia sorella, che me lo venderà a carissimo prezzo! 😉
    ormai faccio il pane senza il goccino d’olio, per non consumarlo.
    …previsioni sulla raccolta? QUANDO??


    mrm

  9. Se piove e non succede niente l’olio nuovo c’è inizio novembre, tranquilla 🙂

    Raccolta modesta quest’anno, e con questo seccume non so se ci sarà una resa decente, ci sta che sono già compromesse.


    ste

Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore declina inoltre ogni responsabilità per un eventuale cambiamento di vita, anche drastico, come effetto collaterale di una navigazione incontrollata all'interno del sito. Punto. E ci vuole pure una pagina con le norme sulla privacy.


Vogliaditerra funziona con Wordpress - 76 queries in 0,845 secondi | Layout (modificato) da GPS Gazette

Continuando navigare nel sito accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi