Vogliaditerra

7 luglio 2011

Siamo alla frutta

Gli ultimi dieci giorni erano segnati dalle susine, quelle lunghe. Una caratteristica di questo podere erano molti boschetti di queste susine, con le pecore che rufolavano sotto tra i rovi e l’erba per mangiarli. Più di dieci anni fa cominciarono a seccare, anche le piante giovane avevano da subito la punta e dei rami secchi e c’erano delle annate senza questa marmellata favolosa che si fa scuotendo le piante per avere i soli frutti veramente maturi che finiscono subito in pentola, con tre etti di zucchero su un chilo di frutta.

Quest’anno sono tornati alla grande, le piante da qualche anno venivano su sane di nuovo e c’erano e ci sono quintali sopra – anche l’istrice ringrazia che ci campa di queste adesso ancora per un po’.

Il contadino è un gran fruttivoro da sempre, ma quando ha appreso che esistono dei fruttariani e l’ehretismo è rimasto stupito:

Nessuno sa quando e perché abbia iniziato a cuocere i cibi; non esistono Darwin o Sitchin che abbiano mai dato una risposta soddisfacente al quesito ma ciò che è certo, è che il sistema digerente dell’uomo è progettato per cibarsi di cibi crudi come qualsiasi altro essere vivente: gli animali che vivono allo stato brado non cucinano né alterano in alcun modo il proprio cibo.

A parte che gli animali non usano neanche vestiti, case riscaldate e teorie di alimentazione: il processo di digestione comincia nella bocca, macinando e insalivando il cibo, dopo è un processo anche di calore nello stomaco. Macinando grano e cucinandolo si porta fuori dal corpo alcuni dei processi, liberandolo un pochino del lavoro duro di digerire e avere della forza per fare altro.

Il frutto per eccellenza è il grano, creato dal erba nel epoca culturale persiana con un processo sacrale che oggi non riusciamo a ripetere. Di positivo nel fruttarismo c’è questa idea di mangiare senza uccidere, non ponendo la vita degli animali su un livello maggiore della vite delle piante. Ma non c’è motivo di escludere il pane o la pasta.

Commenti:


  1. è quello che oggigiorno si chiama forest garden http://en.wikipedia.org/wiki/Forest_gardening. passi le giornate sull’amaca, poi vai nel giardino-foresta e raccogli i frutti che Madre Terra ha amorevolmente preparato per te, in pratica la vita dell’istrice 😉

    in realtà non è proprio così, però i tuoi magnifici frutti danno proprio quest’idea.


    barbara m.

  2. Qualche settimana fa avevo una richiesta di un wwoofer italiano fruttariano che sognava il food-forest (e l’unschooling…). L’idea non è mica male, solo che questo sogno viene sognato spesso da persone che non hanno mai visto la bolla sui peschi, le pere e mele tutte bacate, l’uva malata e gli uccelli che mangiano tutto 🙂


    ste

  3. I cibi che producono muco nei nostri intestini, secondo me, possono davvero interferire sull’assorbimento dei nutrienti a noi necessari causando così tutta una serie di patologie… Così come credo non sia un caso la confusione e la mancanza di informazione sugli effetti prodotti dalla maggioranza dei cibi che ci vendono e sul corretto modo di assemblarli.
    Per chi ci crede mi permetto di condividere un’affermazione, da recitare una volta soltanto, trasmessa per aiutarci ad adeguarci ai vari veleni che ingurgitamo:
    Padre Madre Creatore di tutto ciò che è, è comandato che ogni mia cellula sia invulnerabile agli agenti chimici che potrebbero distruggerla e annientarla affinchè il mio corpo fisico umano sia da scudo alla mia anima permattendogli la sua totale espansione per il raggiungimento di portare consapevolezza, amore, serenità, il cambiamento verso la trasformazione completa dell’umanità. Per il mio bene massimo supremo, secondo la definizione del Creatore di tutto ciò che è. Grazie, è fatto, è fatto, è fatto. Mostrami.

    La condivido perchè la considero facente parte dell’atto di volontà a cui l’umanità è chiamata, se vuole sopravvivere, diventando sempre più coscientemente partecipe alla creazione…

    Sorridendo saluto


    Molly

Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore declina inoltre ogni responsabilità per un eventuale cambiamento di vita, anche drastico, come effetto collaterale di una navigazione incontrollata all'interno del sito. Punto. E ci vuole pure una pagina con le norme sulla privacy.


Vogliaditerra funziona con Wordpress - 76 queries in 1,416 secondi | Layout (modificato) da GPS Gazette

Continuando navigare nel sito accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi