Press "Enter" to skip to content

Incidente nucleare in Egitto?

aggiornamento: Dai commenti questo link al RSOE Emergency and Disaster Information Service
Budapest dove si legge nella descrizione (pari pari copiato dalla traduzione dal arabo qui):

Sono uscite 10m³ di acqua radioattiva dal reattore Anshas per la seconda volta in un anno, secondo Samer Mekheimar l’ex direttore del “Nuclear Research Center’s atomic reactions department”. In una nota al consiglio superiore delle forze armate spiegava che la fuoriuscita sarebbe successo il 25 maggio, dopo un avvio del reattore senza le opportune misure di sicurezza.

Diceva inoltre che la IAEA avrebbe tenuto segreto l’incidente […] e solo il fatto che il reattore non veniva acceso il giorno dopo avrebbe salvato la zona di un disastro […]

Nel frattempo fonti nelle Nuclear Safety Authority riferiscono che sarebbero stati impediti di accedere al reattore per una ispezione. Il direttore della Atomic Energy Agency, Mohamed al-Kolaly, dice che i livelli di radioattività dentro il reattore sarebbero normali e che l’IAEA avrebbero “lodato” il reattore.

Tutto puzza anche un po’ di un gioco politico di potere tra le forze vecchie e quelle nuove; direttori dismessi, fonti anonime…

++++++++++++++++++++

La fonte è magra, un anonimo in un settimanale di Egitto, Rose El Youssef; quello che si trova in rete è sempre tipo questo copiato da lì e più o meno arricchito: una esplosione e una perdita di 10m³ di acqua radioattiva nel primo reattore nucleare sperimentale di 2MW (ci sono due, l’Egitto vuole entrare nella tecnologia irresponsabile sotto lo schermo del IAEA, questo estate partirà l’appalto internazionale per la centrale di Daaba di 1200MW).

Se è vero o no non si sa per ora, questo che si sa per bene è questo: Quattro membri della stessa IAEA un anno fa hanno chiesto moltissime revisioni del reattore russo del ’61 situato ad Anshas a 60 km da Cairo se fosse riattivato (erano spenti dopo Cernobyl) e adesso sembra che questo sia stato successo ma senza queste interventi costosi. Un fortissimo indizio per la brutta situazione sono le dimissioni del direttore del reattore Salah Eddin al-Morshidi e del responsabile della manutenzione settembre scorso:

Salah Eddin al-Morshidi, director of Egypt’s Anshas nuclear research reactor, along with maintenance director Adel Elyan, submitted their resignations to the Atomic Energy Authority (AEA) on Monday to protest what they described as the “corruption” and “deteriorating conditions” associated with the reactor.

Già un anno fa hanno riacceso il reattore senza osservare le regole e una pompa di raffreddamento s’è rotto subito. Nel luglio scorso hanno valutato il valore economico dell’impianto di ricerca per decidere se chiuderlo o svilupparlo; la Rosatom ha fatto una proposta per svilupparlo, ovviamente.

13 commenti

  1. Stefania 5 giugno 2011

    Ho l’impressione c che le fonti resteranno magre, per il momento… Almeno fino a dopo il referendum!

  2. Stefania 5 giugno 2011

    In giro c’è anche scritto che è una bufala… Chissà qual è la verità!

  3. ste 5 giugno 2011

    Anche se è falso la notizia: punta il dito su un potenziale rischio non da poco, sul modo come viene gestito questa tecnologia e la dimissioni dei responsabili parla da sé.

  4. Stefania 5 giugno 2011

    Son d’accordo. E comunque mi auguro che sia falsa, altrimenti si prospetta un nuovo immediato incubo

  5. barbara m. 5 giugno 2011

    allora? piove? è piovuto???
    qui diluvio 🙂 🙂

  6. ste 6 giugno 2011

    diluvio universale omnipotente 🙂

  7. ste 6 giugno 2011

    Ecco, grazie. Non ho trovato nessuna conferma fino adesso, inserisco nel post una traduzione della “event description”.

  8. seipuntotrentasette 7 giugno 2011

    Comunque anche su enenews che aggrega un po’ di notizie sul nucleare è tutto un fiorire di shutdown improvvisi.

    http://enenews.com/pennsylvani.....-in-1-week

    http://enenews.com/nuclear-rea.....ays-before

    http://enenews.com/nuclear-rea.....safe-video

    http://enenews.com/tornadoes-d.....-fukushima

    e anche i Ohio un po’ di paura ce l’hanno

    http://enenews.com/high-radiat.....lear-plant

    Questa l’America, e chissà cosa succede ed è successo in questi anni nell’ex Urss.

  9. ste 9 giugno 2011

    I Bilderberger? Materia prima per teorie di cospirazione fantastiche! Solo che non per questo non si riesce di capire cosa c’è veramente di sostanza…

  10. D. 10 giugno 2011

    Mbè, ci sono i reportage del Guardian…

Commenti chiusi.

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi