Vogliaditerra

17 aprile 2011

Materia, spirito e radioattività

Sono passati cent’anni da quando Max Planck ha messo le base alla fisica quantistica ma il fatto che la materia non esiste di per sé non è ancora entrato nella percezione comune del mondo, anzì. Materia viene generato dallo spirito, ma non era sempre così e non sarà sempre così.

Cosa ci dice Steiner della radioattività?

“Sette stati insieme formano un ciclo. La terra è nel suo quarto stato, quello minerale. Il compito del uomo è di elaborare il regno materiale. E’ già elaborazione quando prende una pietra per farci un cuneo per lavorarci su altri materiali. Quando dai metalli crea arnesi, quando manda corrente elettrica in una rete per la terra. Così l’uomo usa tutto il regno minerale per al so servizio. Trasforma tutta la terra in una opera artistica. Adesso siamo a metà di questa attività e nei prossimi tempi sarà trasformata tutta, alla fine non ci sarà più atomo sulla terra che non è stato trasformato dall’uomo.

Prima questi atomi si sono sempre più solidificati; adesso stanno per dissociarsi sempre di più. La radioattività prima non esisteva, per questo non si poteva essere scoperta. Esiste solo da qualche millennio, perché gli atomi si disgregano sempre di più.”

Tre dei quattro tipi di decadimento radioattivo finiscono con il piombo, il metallo di Saturno, ultimo sfera del sistema classico che separa il nostro sistema planetario dal cosmo.

Questa trasformazione della terra tutta condurrà alla prossima “incarnazione” della terra (detta “Giove” ma il pianeta c’entra niente), la quinta, che non sarà più materiale-minerale. Con una eccezione. Le scorie radioattive non possiamo trasformare (per ovvi motivi) e non arriveranno a Giove.

W.W.: “Sarà quindi una specie di luna di Giove?”

Kapuwu: “Molto più scuro della luna attuale.”

W.W.: “Rimarrà materia?”

Kapuwu: “Sì.”

W.W.: “Chi vivrà su questa luna?”

Kapuwu: ” Questi che non possono progredire. Eventualmente anche uomini. Chi avrà completamente negato lo spirito dovrà viverci magari.”

W.W.: “Ma come si fa a vivere lì? Avranno un corpo materiale?”

Kapuwu: Vivranno come macchine, saranno stati uomini-macchine. Questo è il sogno di Arimane. Non sono stupidi, ma non avranno vita. Non ci sarà più l’acqua.”

W.W.: “Anche nessuna reincarnazione?”

Kapuwu: Nessuna reincarnazione. Esseri macchinosi uniformi. Non si può avere pensato questo. Provalo neanche. Vuoi uomini non potete veramente avere pensato l’eternità.”

(Kapuwu è lo spirito elementare della terra, ecco il primo volume con i colloqui).

Come spesso l’uomo nel suo percorrere ciecamente il progresso tecnologico non sa neanche cosa saranno le conseguenze delle sue azioni. Ma molti che si sono opposti al nucleare hanno intuito qualcosa. Adesso abbiamo circa 300mila tonnellate di scorie nucleari accumulate, senza contare quello perso nell’ambiente. Ogni anno si aggiungono altre 12mila tonnellate.

[Per chi vuole studiare la cosmologia steineriana: ecco un pdf; altri testi qui]

Commenti:


  1. Ma perché un asilo steineriano sarebbe costato 400 euro/mese Steiner non ce l’ha spiegato…


    Uguccione da Lorenzana

  2. Anche quello statale ci costa intorno questa cifra, dovrebbero rimborsare chi non lo usa. In un mondo perfetto.


    ste

  3. Sbagli, quello statale è ripartito su tutta la comunità, l’asilo steineriano è comunità+singolo nucleo familiare. (quindi se vuoi 800 euro/mese) . E’ una questione di elite (nel senso sociologico del termine).
    Anche voi svizzeri siete un’elite (lo dico senza intento offensivo).

    Saluti


    Uguccione da Lorenzana

  4. A me dalla citazione pare evidente che Steiner di Fisica non sapesse assolutamente nulla.
    Dire che la radioattività esiste “solo da pochi millenni” significa negare TUTTA la fisica, la logica e la matematica.
    Il che ci consegna al medioevo della superstizione e della fede, che per quanto mi riguarda, coincidono.
    Su cosa STeiner basi le sue affermazioni, non è dato saperlo.


    Giovanni

  5. E’ dato di saperlo, basta leggerlo o fare un salto alla wikipedia. Anche il mondo minerale non è poi così vecchio come la scienza materialistica deduce. Apparentemente contraddice molto di quello che crediamo di sapere attraverso la scienza, ma solo ad uno sguardo superficiale.

    @Ugoccione: i costi sono quelli, è hai ragione con l’elite. Direi che tutti che leggono qui fanno parte già di un elite. Appartenere ad una elite significa avere più responsabilità, in primis. Dovrebbe.


    ste

  6. visto che luna rossa stasera?
    ieri qui c’era un po’ di foschia, poi era prima, stasera invece siamo usciti fuori e.. ooooooooooooooh! mai vista una roba così, sarà perché quest’anno è più vicina?


    barbara m.

  7. Visto, come no. Più vicino quest’anno? Si avvicina e allontana una volta al mese, ieri era al suo perigeo (punto più vicino) ecco perché 🙂


    ste

  8. Ste, premesso che non ci capisco nulla :-/, il mese scorso c’era la superluna perché al perigeo era piena e succede ogni 18 anni, anche questo mese se ho capito bene, la luna doveva essere più vicina del normale (supermoon)
    http://fourmilab.ch/earthview/pacalc.html

    sia come sia, che spettacolo! 🙂


    barbara m.

  9. Sono ritmi sempre lunari, differiscono di un giorno ca. e ogni due anni circa coincidono è abbiamo la luna piena al perigeo, quello del mese scorso era un perigeo più vicino ancora, questo era straordinario.


    ste

Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore declina inoltre ogni responsabilità per un eventuale cambiamento di vita, anche drastico, come effetto collaterale di una navigazione incontrollata all'interno del sito. Punto. E ci vuole pure una pagina con le norme sulla privacy.


Vogliaditerra funziona con Wordpress - 75 queries in 0,995 secondi | Layout (modificato) da GPS Gazette

Continuando navigare nel sito accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi