Vogliaditerra

29 marzo 2011

Nascere e vivere

Ieri l’altro sera sono nati i caprettini, nello stesso modo dell’anno scorso: in diretta, la wwoofer inglese ha potuta vedere e sentire il parto del secondo caprettino, nella pioviggine illuminata dalla luna – la vita non si ferma mai. Sotto il video di un anno fa.

Commenti:


  1. che belli! 🙂


    laura

  2. belli! maschio e femmina?


    Ale

  3. Bellissimi! Che regali ci fa la natura!


    Viola

  4. Maschio & femmina


    ste

  5. Per due pecore bastano un ettaro a fieno per l’estate ed uno per l’inverno? Com’e’ la proporzione dalle tue parti?


    Geppetto

  6. Dipende dalle precipatazioni annuali, dal terreno, esposizione – un ettaro può essere molto diverso. Credo scientificamente dicono 6 pecore/ettaro bono, forse è giusto.


    ste

  7. Grazie Ste,
    in internet avevo trovato cifre molto diverse tra loro e ora forse si spiega il perche’.
    Mi aveva ispirato pascolo vagante dove ho letto oggi che le pecore rifiutano l’erba quando “ha la spiga”. Io credevo che brucassero di tutto.
    Il filmato della nascita dei caprettini fa bene in mezzo a tutte queste radiazioni trabordanti.


    Geppetto

  8. La pecora mangia “bassa”, se l’erba alta non la tocca, ma va per i trifogli ecc sotto. Per questo su un pascolo stanno bene animali diverse, nel caso nostro gli asini, ai quali piacciono le spighe e altri infestanti del pascolo. Le pecore in genere non amano per niente l’erba dei recinti loro, ecco perché esiste il pastore.


    ste

  9. Grazie mille.
    Gli asini che si vedono con i pastori servono dunque ad equilibrare il taglio.
    Non ho capito l’ultima frase: significa che la pecora ha l’istinto di vagare, o che evita di pascolare troppo vicino a dove ha dormito? Adesso mi viene un’altro dubbio: la pecora non accetta la stalla come fa la vacca forse.


    Geppetto

  10. Non dove ha dormito, ma dove ha ca*ato e pisciato per anni 🙂


    ste

  11. :-A 🙂 :-O 🙂 😉 😉 😮 🙂 !!!!!!!!!!!!!!


    Geppetto

Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore declina inoltre ogni responsabilità per un eventuale cambiamento di vita, anche drastico, come effetto collaterale di una navigazione incontrollata all'interno del sito. Punto. E ci vuole pure una pagina con le norme sulla privacy.


Vogliaditerra funziona con Wordpress - 77 queries in 0,834 secondi | Layout (modificato) da GPS Gazette

Continuando navigare nel sito accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi