Vogliaditerra

20 gennaio 2011

Busher, stuxnet e i russi che frenano

Sembra che i tecnici russi temono per un avvio in sicurezza della centrale nucleare iraniana di Busher dopo i danni nei computer che ha combinati il famoso virus stuxnet (probabilmente un joint-venture Israele-USA).

Come segnala Schneier stuxnet era in grado pure di simulare processi tutti nella norma sugli monitor mentre le centrifughe per l’arricchimento dell’uranio andava a pezzi per le variazioni della velocità.

Speriamo bene che la miscela tra orgoglio nazionale iraniano mescolato con la bravura israeliano-americana non scoppia in un disastro nucleare nella regione.

Commenti chiusi per ora.


Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore declina inoltre ogni responsabilità per un eventuale cambiamento di vita, anche drastico, come effetto collaterale di una navigazione incontrollata all'interno del sito. Punto. E ci vuole pure una pagina con le norme sulla privacy.


Vogliaditerra funziona con Wordpress - 72 queries in 1,067 secondi | Layout (modificato) da GPS Gazette

Continuando navigare nel sito accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi