Vogliaditerra

14 gennaio 2011

28 giorni

Il contadino ogni due tre giorni chiama il 187 per fare un sollecito. Qualche ora dopo che questa pecora correva per la neve la stessa neve ha rotto un ramo di un pino che a sua volta ha strappato il filo del telefono. E’ una cosa assai difficile, nei tempi che corrono, un filo strappato. Le infrastrutture ci abbandono pian piano grazie al mercato, la competitività, l’ottimizzazione e quant’altro del credo moderno.

Oggi l’operatore #329d era di buon umore: “Sa, siamo in Italia”.

Commenti:


  1. Non ti preoccupare chiedigli il rimborso per non aver effetuato la riparazione nel tempo stabilito.
    Io sono stato senza telefono dal 1 dicembre al 10 gennaio,ormai stiamo allo sfascio totale piu’ nessuno che fà il proprio dovere,ciao alla prossima,Buona Giornata.


    lorenzo

  2. pensa che a noi hanno assegnato un numero di un’altro distretto(prefisso telefonico diverso)
    ed i tecnici installatori dichiaravano che non esistevamo quindi dopo un anno abbiamo disdetto il telefono ci hanno richiamato per installarci l’adsl per poi dirci che la zona non era servita dal servizio ovviamente gli operatori erano sempre diversi,morale,
    il comune ha installato un’antenna e finalmente riusciamo ad avere la connessione ad internet.
    non viviamo in un posto come il tuo ma a 400 metri di distanza dalla strada principale.
    comunque anche per l’ultima nevicata ho dovuto usare il trattore con la lama per aprirmi una strada
    perche’non arrivano piu’nelle strade secondarie e non c’e’ neanche il sale che il municipio non ha fondi.
    i servizi esistono solo per giustificare i canoni che vengono fatti pagare ma non per gestire i problemi derivati.


    alessandro

  3. A me 4 anni fa hanno strappato i fili i vicini che stavano tagliando nel bosco e non avevano visto che passava di li il cavo che portava a casa nostra. Dal 187 arrivò un tecnico che se ne andò senza toccare niente perchè non era attrezzato di scala quindi ha detto che avrebbe chiamato rinforzi. Dopo 2 settimane avendo bisogno della connessione per lavorare ho preso io la scala e attaccato il doppino. Quando arrivano 2 mesi dopo hanno visto il nodo con collegamento mooolto artigianale e hanno detto che visto che la connessione andava poteva andare bene così.

    l’anno prima mi saltò la connessione perchè fecero un nido le formiche nella centralina e portarono dentro di tutto. Il tecnico non voleva intervenire ma essendo in almeno una decina di utenze che si lamentavano andò un mio vicino con il badile a “pulire” così dopo una settimana misero la centralina nuova :)


    Ale

  4. Il telefono arrivò tardi qui, saranno 15 anni ora, prima sì che era vita tranquilla!

    Poi ci fu la volta del cavo impallinato: quando attaccava di piovere la linea andava in corto, quando smetteva ritornava.


    ste

  5. chiamata al 187 ogni 3 giorni? ecco, sai come riempirti le giornate allora, ogni volta che si chiama questi tra selezionare tra un’opzione o un’altra e ‘attendere per non perdere la priorità acquisita’ passano le ore.

    eroica l’immagine del trattorino con la scala di legno sul rimorchio legata al palo.. :-)


    barbara m.

  6. Dovrei richiamare, sono passate le ennesime 48 ore che promettono…


    ste

  7. [...] sera quando ha richiamata il 187 per abitudine e ha sentito il processo che adesso è in automatico ha pensato a questo [...]


    VogliadiTerra » Blog Archive

  8. [...] il contadino ha scoperto che sta diventando ricco con quella linea del telefono interrotto, citazione del punto 26 nel elenco telefonico: 1. Qualora Telecom Italia non rispetti i termini [...]


    VogliadiTerra » Blog Archive » C’era una volta il telefono


referrer



Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore declina inoltre ogni responsabilità per un eventuale cambiamento di vita, anche drastico, come effetto collaterale di una navigazione incontrollata all'interno del sito. Punto. E ci vuole pure una pagina con le norme sulla privacy.

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Vogliaditerra funziona con Wordpress - 55 queries in 9,391 secondi | Layout (modificato) da GPS Gazette