Vogliaditerra

21 dicembre 2010

Uno deve fare il primo passo

L’Ungheria sta per liquidare la democrazia. Niente corte costituzionale, niente libertà d stampa, niente società civile. Ciao.

Commenti:


  1. e noi cosa possiamo fare per aiutarli????????


    monica

  2. ahahahah….. monica ti perdono hai sicuramente sbagliato
    volevi sicuramente dire….e loro(ungheresi)cosa possono fare per aiutarci!
    Laqualunque


    Laqualunque

  3. Si sono scelti quel loro governo (con 68% e rotti) come gli Italiani il loro. Entrambi si devono aiutare da sé, forse un piccola mano l’Europa da.


    ste

  4. si e vero ste una mano cela da l’Europa ad affosarci ancora di piu


    Laqualunque

  5. Speriamo che il vecchio spirito ungherese riemerga e che la gente si riappropri della propria vita… fatevi un giretto in ungheria. vedrete come stanno le cose…


    joe

  6. Joe: fare un giretto in Ungheria costa, e, a meno di andarci in bicletta, non fa neppure bene all’ambiente.

    Scrivi per esteso tu come stanno le cose, per favore.


    Geppetto

  7. Scusatemi, spesso sono troppo criptico.

    Tante volte dalle storielle di frontiera si capiscono bene le cose. Degli amici in croazia mi raccontavano come, quando c’era ancora la Jugoslavia, gli ungheresi che venivano in croazia venivano sempre (bonariamente) presi in giro per come erano vestiti, le macchine etc che avevano.

    Con la “libertà” dell’Ungheria e la caduta della Jugoslavia, cominciarono a girare in ungheria soldi soldi soldi, ed ecco che gli ungheresi vendevano le trabant, le lada, le skoda etc e si compravano le golf… ed ecco che erano gli ungheresi che prendevano in giro (bonariamente) i croati, diventati sempre più poveri.

    Adesso c’è l’ennesima giro della ruota, gli ungheresi sempre più in difficoltà, mentre i croati pian pianino, dato che devono entrare in europa unita, sembra che siano più ricchi… e quindi sfoggiano i loro beni.

    In realtà la situazione è magra da entrambe le parti, distinzioni di classe sono sempre più marcate, ed il malcontento popolare serpaggia sempre più. L’Ungheria, da sempre uno degli stati più poveri del blocco dell’est, ha però un fortissimo spirito cultural nazionale, e mi sorprenderebbe che digerissero così la recente decisione del governo… Sono sempre stati fieri ed indomabili.

    Spero di essermi spiegato, non è semplicissimo ma dovrei aver reso l’idea.


    joe

  8. Ciao joe mi sembra che ci siamo gia incontratti qui su questo blog o sbaglio?
    comunque volevo dirti che il quadro che hai fatto di questi 2 paesi(Ungheria Yugoslavia)non e proprio esatto a mio modesto parere,io sono croato e ci vivo,che gli ungheresi prima non vivevano come nababbi questo e sicuro e cosi anche per i croati e il resto della Yugoslavia,pero noi semplici operai prima potevamo andare in vacanza ogni anno in qualsiasi paese dell’est e anche europeo,adesso se lo puo permettere solo una piccola elite che sono pieni di soldi il resto”puši”come dicono dalle nostre parti,noi qui in ex Yugoslavia stiamo ancora vivendo con quello che ci ha lasciato TITTO si dico bene TITTO quel
    dittatore criminale come lo chiamate voi affetuosamente
    in ocidente,quanto durera non lo so pero posiamo consolarci ci hanno aperto le chiese(non sono mai state chiuse)cosi che possiamo andare li a pregare la nostra miseria futtura.
    Quanto all’Europa spero non entrarci mai,ci sono gia
    almeno geograficamente da sempre,ci volete dare il colpo finale non vi e bastato di aver distrutto venti
    miglioni di gente che viveva armoniosamente insieme,
    ho finito scusatemi vi auguro un buon soltizio e anno nuovo.
    Laqualunque


    Laqualunque

  9. Laqualunque,
    Grazie!

    Vedrai, tutto sommato non andrà male alla Croazia, stanno (state) molto meglio di noi. Ed io ci arriverò presto…

    In croazia, ed ancora in alcuni stati dell’est, esiste ancora il concetto di solidarietà disinteressata, muto aiuto e comunità. Con i logici distinguo, ovviamente.

    Sretan bosic i novi godina (buon Natale e felice anno nuovo).


    joe

  10. i tebi joe i svim tvojim u familiji


    Laqualunque

Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore declina inoltre ogni responsabilità per un eventuale cambiamento di vita, anche drastico, come effetto collaterale di una navigazione incontrollata all'interno del sito. Punto. E ci vuole pure una pagina con le norme sulla privacy.


Vogliaditerra funziona con Wordpress - 75 queries in 1,247 secondi | Layout (modificato) da GPS Gazette

Continuando navigare nel sito accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi