Vogliaditerra

26 luglio 2010

Il ritorno della metcalfa


Proprio ieri se n’era parlato con l’apicoltore e oggi il ronzio delle api trai rovi accanto la vigna. Sembra che quest’anno la metcalfa si stia riprendendo, bene per le api, bruttino per le piante che coperto di melata (Honigtau in tedesco, rugiada di miele) diventeranno nere di fumaggine in giro di un mese. Era quasi completamente sparita dopo la lotta biologica introducendo la Neodryinus typhlocybae.

A proposito di miele: Secondo lui era meglio se lasciava le api qui invece di portarle nell’Appennino – fallito completamente il raccolto del Castagno. Erano tutti malati, nessuna fioritura. Quindi anche niente castagne.

Commenti:


  1. Anche in Piemonte mi pare che, ques’estate, vi sia una maggior presenza di Metcalfa.
    Forse perché l’inverno è stato più rigido ed ha colpito maggiormente il neodryinus?

    Grazie ste per le sempre bellissime cose che ci fai vedere e per gli interessanti stimoli di riflessione.


    Aspirante biodinamico

  2. Se ho capito bene, l’apicoltore quest’anno non ha raccolto miele: l’acacia è fallita per le piogge, il castagno perché è malato.
    Com’è possibile, che io che ho le api nell’appennino e non sono esperto, con tre arnie compreso quella debole, arriverò a raccogliere oltre 100 Kg di miele??


    Harlock

  3. Son bravi a piangere sembrano contadini 😉

    L’acacia nei posti alti sembra che è andato bene alla fine. Hai dei castagni vicini o sono più alti?


    ste

  4. Confermo la presenza della melata, qui da me (Mugello) la stanno raccogliendo alla grande, per ora quasi un melario a cassa (circa 18 Kg), in alcuni casi il primo melario è pieno e bisognerà aggiungerne un’altro… Sul piangersi addosso è più che altro rabbia perchè per preparare le famiglie ti fai un gran culo e lavori anche la notte per spostarle; se poi non raccogli niente il minimo che puoi fare è imprecare… Saluti…


    Gabriele Landi

  5. Anche i tessitori piangono sempre 🙂

    I castagni partono proprio sopra di me, sotto ci sono gli olivi, e ai lati le acacie 😉


    Harlock

  6. …ah si chiama così? sulla confezione dell’insetticida che ho preso me li chiama “Aleurodidi”…. pesco, fichi, e altre piante, acacie comprese, infestate…. si sono trasferiti anche sui pomodori….quest’anno una strage!:( e le “gatte” o cavolaia ha deciso che le mie 100 piante di cavolo gli piacciono assai….uff!:(


    elena

  7. @elena
    Gli aleurodidi sono un’altro altra cosa: molto più piccoli, tipo “farfalline” bianche, le puoi limitare molto o eliminare del tutto con le trappole CROMOTROPICHE gialle (fogli di plastica colorata ricoperti di colla) appesi tra la vegetazione.

    L’insetticida ha poco effetto sia sugli aleurodidi che sulla metcalfa.

    Per controllare quest’ultima occorre tenere l’erba sfalciata, dare alle piante piante luce (evevtuale potatura verde), trattarer con acqua e sapone per “sciogliere le “muffette” bianche dove depongono le uova.


    ASPIRANTE BIODINAMICO

Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore declina inoltre ogni responsabilità per un eventuale cambiamento di vita, anche drastico, come effetto collaterale di una navigazione incontrollata all'interno del sito. Punto. E ci vuole pure una pagina con le norme sulla privacy.


Vogliaditerra funziona con Wordpress - 76 queries in 0,705 secondi | Layout (modificato) da GPS Gazette

Continuando navigare nel sito accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi